10 spunti per parlare chiaro e diretto (parte 1)

parlare chiaro e diretto

“Lo sai perché ti ho fatto chiamare? No? Pensaci un po’? … Ehm..Stavo pensando che, forse sarebbe meglio se … cominciassimo finalmente a … ehm.. io e te a discutere insieme .. e se sei d’accordo … a parlarci finalmente in modo chiaro e diretto … Giusto, vero?”

Le parole sono importanti.
Possono attrarre, ispirare e convincere ma anche allontanare, disorientare o annoiare.
Dipende da ciò che diciamo e da come lo diciamo.
Poco importa quale sia la tua professione e quanto tu debba stare in contatto con le persone durante la tua attività lavorativa.

Iscriviti alla Newsletter e ricevi GRATIS la guida sul coaching "Investi su Te Stesso"

Una cosa è certa …

Parlare chiaro e diretto è necessario

Soprattutto se ricopri un ruolo di responsabile, capo o manager,
è indispensabile utilizzare una comunicazione efficace,
usare le parole o il tono giusto per migliorare i rapporti personali,
e aumentare il tuo carisma con colleghi e collaboratori.

La comunicazione efficace è il primo passo verso il tuo successo.

Se pensi di comunicare in modo confuso,
dispersivo o tortuoso devi impegnarti con molta pratica e attenzione.

Se vuoi parlare chiaro e diretto e sradicare questa cattiva abitudine ti servirà molta pazienza.
Hai “sempre detto così” e non sarà così facile cambiare e migliorare, in poco tempo.

Da domani,
comincia a prestare attenzione a cosa dici,
conta quante volte utilizzi parole dispersive e prova a invertire la tendenza.
Allenati con costanza e vedrai che, giorno dopo giorno, questo sforzo controllato diventerà naturalezza.

Attento, però!

Non fare l’errore di “regolamentare” di colpo tutta la tua comunicazione

Non commettere l’errore di cercare di disciplinare, di punto in bianco,
la tua comunicazione con tutte le persone o per tutto il giorno.

Così facendo, corri il rischio di controllarti troppo, perdere naturalezza e di trasformarti in un automa freddo e innaturale …
con tanti saluti alla famosa empatia del comunicatore!

Metti tutta la tua attenzione solo in quei particolari momenti o situazioni (quando dai disposizioni, direttive, compiti, obiettivi, chiarimenti al tuo team, capo o collega, etc.) dove hai la necessità di “far passare” un concetto, un auspicio o una direttiva in modo preciso, chiaro e inequivocabile.

Per il resto … sii te stesso!

Non formalizzarti e non preoccuparti troppo di cosa dici.
Devi solo migliorare la tua comunicazione,
non stravolgere il tuo modo di essere o di comunicare.

Ti dico questo perché ricercare costantemente la perfezione nella comunicazione è fonte di stress e ansia.
Come se non ne avessimo già abbastanza!

Vediamo insieme quali piccole strategie di comunicazione possono aiutarti a parlare chiaro e diretto con i tuoi collaboratori o colleghi:

1. Preparati

“Per essere il numero uno,
devi allenarti come se tu fossi il numero due.”

Maurice Greene

Prova a sintetizzare il tuo intervento, anche se breve, in punti chiave.
Qual è il messaggio che vuoi far passare. Chiediti:

 

“Qual è il punto?”
“Che cosa deve passare assolutamente?’”
“Che cosa posso evitare?”

Scrivi cosa devi dire. Cerca di formulare frasi brevi.
Una frase eccessivamente lunga può ostacolare la comprensione dell’altra persona e può far sì che tu perda il filo del tuo discorso.

2. Sorridi

In modo tale da trasmettere tranquillità a chi ascolta. Non essere freddo, mettici qualcosa di tuo. Osa qualcosina di originale ma se non sei il tipo, lascia stare … freddure, battutine spiritose o volgari per fare quello-brillante.

Chiudere la conversazione con una battuta che non fa ridere crea un effetto imbarazzante e sgradevole.

 

3. Non fare premesse infinite

Vai subito al dunque, non ti perdere in rivoli e fronzoli, i tuoi collaboratori o colleghi devono capire fin da subito, cosa dici e cosa vuoi da loro.
Vai dritto al punto.