12 spunti potenti per superare un momento di scoraggiamento al lavoro – 1

scoraggiamento

“Scoraggiarsi
significa perdere.”

Bruce Lee

Il lavoro non è entusiasmante.
Non c’è passione o eccitazione.
Niente di cui essere orgogliosi. Gestisci semplicemente un processo già in atto.
Non ti senti legato all’azienda. Nessuno chiede una tua opinione o un parere.
Prendi lo stipendio e torni a casa.

Ti senti,
nonostante il grande impegno, bloccato e non vedi progressi di carriera?
Avanzano i soliti noti?
Le voci critiche di colleghi ruffiani e del capo stronzo ti accompagnano sempre?

Quando non ci sono prospettive di crescita … ecco lo scoraggiamento!

Imprevisti, ritardi, cambi di programma e colpi di sfiga ti fanno correre sul tapis roulant e nonostante il grande sbattimento … non hai centrato il target!

Sono piovute critiche e nessun riconoscimento.
Ti sono cadute le braccia, e non solo quelle…

Iscriviti alla Newsletter e ricevi GRATIS la guida sul coaching "Investi su Te Stesso"

Siamo costantemente bombardati da messaggi positivi – essere positivi, pensare positivo, immagini di vittorie e di vincenti –
ma se le cose non vanno bene come fare a non sentirsi scoraggiati, demoralizzati e affaticati?

Senza entusiasmo, senza coraggio.
Senza speranza.
Approfondisci con il mio post “6 cose da fare quando ti senti poco leader

Prima di prendere (o non–prendere) una decisione importante,
fare-o-dire qualcosa a qualcuno,
è fondamentale superare lo scoraggiamento che può annebbiare (e non poco) la tua capacità di giudizio e che può trascinarti in una situazione ben peggiore.

Ecco 12 consigli importanti modi per superare lo scoraggiamento al lavoro:

1. Smettila di confrontarti con gli altri

Confrontarsi con gli altri può essere stimolante,
ma anche molto frustrante e deprimente.
Scoraggiante.

Dal continuo confronto hai poco da guadagnare e molto da perdere.
I confronti sono sempre eccessivi perché non c’è mai fine al possibile numero di paragoni.
I confronti spesso sfociano nello scoraggiamento,
nel rancore verso gli altri e verso noi stessi.

La verità è che siamo profondamente focalizzati sui nostri limiti e fallimenti,
e raramente vediamo quelli degli altri.

Ci confrontiamo solo “quando ci fa comodo”,
cioè quando gli altri vincono, sono felici o celebrano successi
(il collega che ha avuto la promozione, il fratello che ha ottenuto quell’incarico prestigioso, l’amico che “ha messo su” la start up dei suoi sogni, ecc …) .

2. Accetta le persone per quello che sono

Cercare di cambiare le persone è inutile e frustrante.
Scoraggiante.

Chiediamo agli altri un certo tipo di comportamento che confrontiamo poi con l’immagine che abbiamo nella nostra mente;
se non corrisponde, non ci va bene.
Sbottiamo, critichiamo,
Recriminiamo.

Ci aspettiamo che gli altri seguano le regole non-scritte delle nostre convinzioni.
Che reagiscano come noi ci aspettiamo.

Ma le persone (il collega che pugnala alle spalle, il capo prepotente, il cliente arrogante, ecc.) sono-quelle-che-sono.
Cercare di cambiarle può essere…
scoraggiante e frustrante.

3. Lasciare andare rabbia e amarezza ti aiuta a superare lo scoraggiamento

La rabbia e l’amarezza crescono spesso nello scoraggiamento.
È fondamentale perdonare e … perdonarsi.
Lasciar da parte l’amarezza.
La collera e il rancore.

Altrimenti potresti ritrovarti imprigionato nella tua stessa amarezza o dal senso di ingiustizia.
Potresti sentirti intrappolato e non vedere la via d’uscita.

4. Smettila di controllare cosa non puoi controllare

Prendi le distanze dalle cose che non puoi controllare.
Non farlo,
ti porterà solo ansia e frustrazione!

Viviamo in tempi complessi e incerti.
Per quanto tu possa organizzare e pianificare,
ci saranno sempre imprevisti, appuntamenti cancellati, ritardi, emergenze e cambi di programma.
Una vendita importante saltata all’ultimo istante.

Non sprecare la tua energia e le tue capacità in cose e fatti che non dipendono da te.
Impara a gestire il tuo atteggiamento, non lamentarti o demoralizzarti,
accetta la realtà e focalizzati solo sulle prossime azioni da compiere.

Diventa più flessibile!
Lascia uno spazio (in agenda) per l’imprevisto.

scoraggiamento

5. Ricorda le vittorie del passato

Per superare lo scoraggiamento è molto efficace ricordare un momento specifico in cui sei stato all’altezza,
hai ottenuto apprezzamenti o hai ricevuto riscontri positivi (la tesi di laurea, un apprezzamento da un cliente, capo, amico, partner, la prima promozione, l’acquisizione di un cliente importante, la vittoria al torneo di calcetto della città, ecc.)

Ricordare le esperienze di successo genera positività.