14 mantra da recitare per trovare fede e forza nella tua leadership – 1

Leadership

Una cosa è essere un membro del team.
Un’altra è condurre e guidare le persone di un team

I giovani team leader sono spesso impreparati ad affrontare la gestione di un gruppo,
molto spesso ignorano o reagiscono male di fronte ai problemi che incontrano.
Con eccessiva rigidità o poca sicurezza.

Troppe aziende non sono impostate per sostenere i loro responsabili.
Soprattutto quelli giovani.
Troppo spesso,
l’unica cosa che dicono è … che hanno fallito.

Dubbi sulla tua leadership?
Troppi pensieri, tante fantasie, pochi fatti

Iscriviti alla Newsletter e ricevi GRATIS la guida sul coaching "Investi su Te Stesso"

Che cosa vorresti che ti dicessi?
Per favore … non mi dire che cosa speri di fare.
Dimmi quello che farai.

Comincia da questi 14 mantra per focalizzare al massimo i tuoi pensieri.

Il mantra è una formula sacra che viene ripetuta come una sorta di preghiera.
Come una scialuppa di salvataggio in mezzo alle onde,
il mantra ci permette di indirizzare la mente verso un porto sicuro,
attraversando le tempeste con le quali la vita ci travolge.

È lo strumento che ci aiuta ad attraversare il mare (spesso agitato) della nostra mente.
Quando la mente vaga senza meta,
il mantra la riporta sulla giusta strada.

Inizia da questi 14 mantra per ritrovare fede e forza nella tua leadership:

1. È demoralizzante non essere riconosciuti

Soprattutto quando stai facendo del tuo meglio.

Porgere complimenti e riconoscimenti potenzianti ai propri dipendenti o collaboratori,
per il lavoro fatto e i risultati ottenuti,
è una competenza fondamentale per un team leader.

Vai oltre i numeri e il budget e dedicati anche (o soprattutto)
alla crescita motivazionale del tuo staff attraverso l’apprezzamento e il riconoscimento.

La capacità di dare un apprezzamento potenziante quindi è una caratteristica assolutamente necessaria soprattutto nel mercato di oggi,
dove i pochi successi, conquistati con fatica e impegno,
devono essere riconosciuti e apprezzati.

Per approfondire leggi il mio post “Come porgere riconoscimenti potenzianti ai collaboratori

2. Non pensare che le cose andranno bene solo per il semplice fatto che stai lavorando tanto

Non aspettare soluzioni magiche.
Prova qualcosa di nuovo.
Valuta. Adattati.
Riprova.
Sii positivo.
Resta aperto.
“Pratica” ottimismo e trasparenza.

Lavorare troppo è probabilmente il più grande segno distintivo d’incompetenza.
Il manager impreparato non è in grado di gestire se stesso,
non riesce a massimizzare il rendimento giornaliero sulla base dell’energia e dello sforzo mentale che mette in campo.

3. Senza il tuo team … tu sei insignificante

Le persone del tuo team sono il tuo patrimonio.
Le persone oggi possono determinare il successo o l’insuccesso del tuo lavoro, della tua azienda, della tua attività.
Da solo non vai da nessuna parte!

Hai bisogno dei tuoi collaboratori,
più di quanto loro abbiano bisogno di te.

Se il “team è la chiave del successo” è facile dedurre che
“NO team = NO successo”.

4. Il rispetto va guadagnato sul campo

Non puoi ottenere il rispetto del team semplicemente perché hai “studiato”,
sei il “capo” o hai l’ufficio più grande.
Non funziona così.

Tutti desideriamo rispetto,
ma sono pochi quelli che hanno le idee giuste su come ottenerlo.

Devi essere meritevole di rispetto e lealtà.
Se rispetti i tuoi collaboratori, rispetti i loro interessi, in cambio ti stimeranno e ti apprezzeranno.

Spesso ci comportiamo male e senza riguardo senza rendercene conto,
anche in buona fede, per mancanza di tempo, per lo stress, per incomprensione, per superficialità, per ignoranza (nel senso di non conoscenza).

Il tuo atteggiamento ispira tutto il personale.
Il tuo team smette di dare il meglio quando ti vede manipolare numeri,
dati e informazioni per il tuo vantaggio personale.

Approfondisci cosa vuol dire guadagnare rispetto del team con il mio post.

5. Se avverti il bisogno di sentirti superiore significa che non lo sei

Pochi hanno realmente capito cos’è in realtà la fiducia in se stessi.

Spesso,
ci comportiamo con arroganza semplicemente perché siamo insicuri e pieni di paura.
Per controbilanciare,
ricopriamo e mascheriamo la nostra vulnerabilità con atteggiamenti di superiorità e di presunzione.

Fiducia e arroganza sono mondi a parte.
Mostrarsi strafottenti non vuol dire essere sicuri di sé.
Avere leadership.

leadership

6. Non basta dire “Buon lavoro”

Non basta assegnare il lavoro.
Consegnare direttive.
Distribuire mansioni.

Devi anche partecipare.
Prenderne parte.
Esserne parte.
Devi scendere dal tuo piedistallo.

Essere al fianco del tuo team.
Metti giù la testa, lavora,
sporcati le mani … insieme al tuo team.

Ecco la leadership!
Vedrai la differenza!