Come approcciare (senza mal di testa) una persona logorroica al lavoro

persona logorroica

Che sia il capo, un collega, un collaboratore, un cliente …
poco importa … tutti abbiamo già conosciuto una persona logorroica e prolissa nel nostro luogo di lavoro …
e ce la ricordiamo bene!

Si perde in storie che non hanno alcuna importanza.
Approfondisce ogni dettaglio di ogni argomento con pedanteria.

Salta da soggetto a soggetto, argomento per argomento;
non è difficile che inizi la conversazione con considerazioni sul tempo o di carattere personale.

La persona logorroica ama solo il suono della sua voce

“La prolissità non è un eccesso di parole,
ma una carenza di idee.”

Nicolás Gómez Dávila

Ti sommerge sotto una valanga di parole perché ha un intimo bisogno di piacere e ha paura di non essere accettato.
Non si rende conto (o forse si?) che ti sta facendo perdere un sacco di tempo.

Purtroppo non possiamo semplicemente ignorarli e nemmeno evitare di rispondere …
soprattutto se è un cliente o il capo.

La persona prolissa non ti ascolta, mai, nemmeno quando ti fa una domanda: la risposta non la interessa e se rispondi, ti parlerà sopra!
Te ne sarai accorto anche tu.
Non molla mai la presa. Almeno non spontaneamente.

La persona chiacchierone trova, in ogni singola frase,
un appiglio per imbastire un nuovo discorso, in maniera tale da poter parlare,
almeno potenzialmente, per ore e ore.
Bisogna fermarlo prima.

Se la conversazione è impostata male, tutto quello che potrai ottenere, è … e un gran mal di testa.
Se sarai fermo ma gentile, invece, non ci sarà nessun rancore.

Non lasciarti trascinare in discussioni improduttive

Non incoraggiare la conversazione.
Evita (come il fuoco) argomenti controversi e problematici tipo sport, la crisi, la politica o la religione che potrebbero innescare discussioni interminabili quanto improduttive.

Nel caso di un cliente logorroico cerca di condurlo sempre verso gli argomenti che ti interessano (l’argomento dell’incontro, il tuo prodotto/servizio, ecc…). Se comincia il dialogo parlando del tempo, rispondi in modo gentile ma fermo ”Sì, in effetti fa molto caldo. Come posso esserle d’aiuto?”.

Non stringere subito i tempi

Dai a questo tipo di persona un po’ di tempo per “sfogarsi” e per parlare di sé.

Non interromperlo durante i suoi soliloqui, ma utilizza ogni suo pensiero, ogni frase,
per cercare un aggancio logico al motivo dell’incontro, i tuoi prodotti o servizi.

Quando prendere il controllo della conversazione?
Usa il buon senso per decidere quando questo punto è stato raggiunto.

Prendi il controllo della conversazione

Poni domande che invitano a una risposta chiusa (con SI e con NO) e se partono di nuovo per la tangente,
resta fermo e ripeti la domanda fino a ottenere la risposta.

Nel caso di una vendita, per indicare che hai il tempo contato,
usa frasi tipo “Prima di occuparmi anche degli altri clienti voglio assicurarmi che lei …” oppure
Stiamo chiudendo … come le posso essere utile in questi ultimi minuti?”.

Riformula quanto ascoltato

Le persone logorroiche continuano a ripetere i concetti perché non sono sicuri che hai capito la loro necessità. Il modo più semplice per abbreviare i tempi è di fare un breve riassunto di quanto hanno detto.

Riassumendo quello che hai ascoltato,
hai la sicurezza di aver compreso davvero la loro esigenza e la persona ha la conferma di essere stato realmente ascoltato.

Quando la persona logorroica fa un commento o fornisce alcune informazioni di carattere personale, gentilmente fai notare che non è necessario e che non vorresti intrometterti nella sua vita privata.

È necessario guidare la conversazione e “mantenere la rotta”

Non devi permettergli d’impostare la direzione della discussione,
perché sarà sicuramente deviata dal suo percorso.

Parla poco,
ma educatamente e offri una minima opportunità per avviare una nuova conversazione. Non incoraggiarlo ponendo domande aperte, non offrire il tuo commento, non rilanciare o partecipare attivamente alla discussione.

Quando senti di aver provato di tutto e la persona non ha ancora cambiato il suo atteggiamento, sii sincero.
Digli che capisci le sue intenzioni e necessità e che capirà senza dubbio che devi occuparti anche di altre mansioni.

Se sei cortese e gentile,
non c’è alcun motivo che questa persona possa sentirsi offesa.

Se aspetti (e speri) che sia la persona logorroica a terminare la conversazione (“Prima o poi si stuferà e smetterà di parlare …) stai sbagliando di grosso perché queste persone sembra che abbiano tutto il tempo del mondo e quando parlano, stanno godendo della conversazione.

persona logorroica

Ansia da nuovo lavoro? Cosa è normale e cosa è solo una tua paranoia – 2

ansia da nuovo lavoro

leggi anche la parte 1 small ...

“Non piaccio, è evidente … mi guardano tutti strano” – paranoia

Non preoccuparti di avere il controllo sui giudizi degli altri.
È impossibile.

Che siano corretti, irrispettosi o scortesi … il comportamento e l’atteggiamento degli altri, sono inevitabilmente al di fuori del tuo controllo.

Per quanto tu possa essere disponibile, gentile e benvoluto,
ci sarà sempre qualcuno che ti criticherà,
biasimerà la tua competenza e cercherà di rovinarti una bella giornata di sole.

Prima ti rendi conto di questa cosa,
meglio è!

Metti a tacere la tua voce interiore negativa… quest’ansia da nuovo lavoro!
Lascia che questi pensieri improduttivi si consumino da soli e concentrati sull’unica cosa che dovresti fare: abbracciare questa nuova sfida.

“Non sono adeguato per questo lavoro” – paranoia

“Oddio … ma dove mi sono cacciato?”

C’è così tanto da sapere,
tante competenze da mettere sul tavolo, ogni nuovo incarico sembra un compito impossibile, ogni incontro con il capo o il titolare può essere quello in cui si viene a scoprire che non sei all’altezza.

Responsabilità scoraggianti. Disagio nel ruolo.
Poche idee.
Non sapere cosa fare… o a chi chiedere.
Chiedere aiuto per quasi ogni compito assegnato.

Perché ti senti inadeguato nel lavoro?
Perché tutta questa ansia da nuovo lavoro?
Anche se (almeno fino adesso) l’azienda e il team sono soddisfatti della tua prestazione, senti di non essere qualificato, dubiti di te stessi e cominci a “martellare” costantemente la tua fiducia.

È facile cadere in questo tipo di pensiero.
Leggi il mio post.

“Sono stato assunto per fare A e B invece faccio X e Y” – paranoia seria

Pensavi di essere stato assunto per gestire le iniziative di social marketing della tua nuova azienda,
invece ti hanno piazzato in mano un telefono, un elenco lunghissimo di persone da chiamare per piazzare quel prodotto o servizio (in cui non credi neanche).

Questo non è sicuramente il ruolo per cui hai superato (e vinto) le selezioni.
Ahia! Questa è una preoccupazione seria.

Se il lavoro che stai facendo non è il lavoro per il quale sei stato assunto,
può valere la pena di conversare con il tuo capo diretto (o con l’azienda),
ma se la discrepanza è così grande,
probabile questo non è il posto giusto per te e dovresti iniziare a pensare alla tua prossima mossa.

“Azz… ho fatto un errore” – normale

Nessuno è perfetto.
Nessuno nasce-imparato.

Non importa quale sia il tuo incarico e la tua posizione,
scommetto che sicuramente hai guardato qualcuno e ti sei chiesto perché sia più efficace di te,
pur facendo lo stesso lavoro.

Ma la verità è che anche queste persone,
a loro volta, fanno tanti errori.

Così,
smettila di confrontarti e concentrati invece sull’apprendimento per evitare tali errori nel futuro.

Relativizza,
non fare di una goccia un oceano,
guarda le cose dalla giusta prospettiva.
Non farti travolgere dall’ansia da nuovo lavoro.

“Ho fatto un errore. Mi licenzieranno per questo” – paranoia

Se c’è qualcosa del tuo modo di lavorare che non ti piace,
fai attenzione la prossima volta,
analizza la situazione e cerca di capire come risolverle ed evitare l’errore sul lavoro.

Convinciti che il mondo non smetterà di girare,
non ci sarà l’apocalisse, e non perderai il lavoro perché hai commesso un errore.

Se tu fossi davvero uno stupido incompetente non saresti al tuo posto di lavoro.
Se ti hanno assunto… vuol dire che credono in te,
nella tua potenzialità e sono convinti che tu possa fare bene il tuo lavoro.

L’importante non è impegnarsi per far cambiare loro opinione!

“Devo essere assolutamente perfetto” – paranoia

Se hai un forte desiderio di essere perfetto,
è perché sei preoccupato di ciò che gli altri pensano di te,
chiedi loro un riconoscimento, un’approvazione.

Se sei perfetto,
chi mai potrebbe criticarti o trovare un difetto nel tuo lavoro?
Infatti, la tua sicurezza è subordinata al raggiungimento degli obiettivi.

Se il tuo capo o i clienti (sempre più impazienti) aspettano un tuo feedback o di vedere un qualche progresso, forse… non è il momento di ossessionarsi con i dettagli,
arrivare alla riunione a mani vuote,
rimandare (continuamente) l’appuntamento fino a quando tutto sarà “perfetto”.

Accontentarsi di “buono”,
potrebbe sembrarti un approccio apatico e approssimativo,
ma ci sono momenti in cui è completamente giustificato,
e diventa la scelta più efficiente ed efficace.

ansia da nuovo lavoro

“Non pensavo fosse così dura” – normale

Basta sentire le news per vedere quanto sia difficile trovare un lavoro e quanto spesso sia già tanto averne uno (bello o brutto che sia).

Il mondo del lavoro, come si potrebbe negarlo,
si è fatto sempre più competitivo, complicato e ovunque “imperano” tensione e nervosismo.
A farne le spese sono soprattutto le persone con un carattere più tranquillo e accomodante.

Oggi il mondo del lavoro cambia velocemente, per qualcuno troppo velocemente,
ed è per questo che per ambientarsi ci vogliono requisiti importanti:
impegno, preparazione e resilienza.

Ansia da nuovo lavoro? Normale .. normalissimo!

Sentirti ansioso o un po’ insicuro mentre stai iniziando un nuovo lavoro,
quando ti stai adattando a un nuovo ambiente, è perfettamente normale.

Non preoccuparti per questa ansia da nuovo lavoro … ti sentirai più a tuo agio nel giro di un paio di settimane.

leggi anche la parte 1 small ...

Ansia da nuovo lavoro? Cosa è normale e cosa è solo una tua paranoia – 1

ansia da nuovo lavoro

Ansia da nuovo lavoro?
Iniziare in un nuovo posto di lavoro può essere stimolante ed entusiasmante,
ma anche stressante e “schiacciante”.

Dovrai apprendere procedure nuove,
fare tuo un cumulo enorme d’informazioni,
incontrare (e relazionarti) con tante persone, stupire positivamente il tuo nuovo capo.

Insomma, tanta pressione.
È normale sentirsi nervosi, indecisi e apprensivi.

Ansia da nuovo lavoro? Assolutamente normale!

È proprio l’ansia dei primi giorni di lavoro, quella sensazione d’instabilità,
che porta la nostra mente a “galoppare” per tentare di ritrovare l’equilibrio perduto.

Alcune conclusioni che traiamo rientrano nella normalità,
altre volte invece sono il frutto di esagerazioni, paranoie,
fissazioni che alzano inutilmente il nostro livello di ansia e stress (come se non bastasse quello che già c’è!).

Ecco alcuni esempi di cosa è del tutto normale e cos’è il prodotto (immaginario) di una mente un po’ tesa e intimorita:

“Non capisco subito gli argomenti” – normale

Hai presente…
ti sei appena seduto auna delle tue prime riunioni,
e quando cominciano a sciorinare nozioni, termini e concetti che non conosci,
l’unico pensiero che hai è: “Di cosa diavolo stanno parlando ‘sti matti?

Potresti chiedere spiegazione.
Far ripetere il concetto.
Oppure,
assecondare i presenti,
annuire (come fan tutti) in segno di approvazione e comprensione.

Non capire subito i ragionamenti… è normale!
Ci vuole tempo per imparare i dettagli di un nuovo lavoro,
specialmente se hai cambiato settore.

“Tutti gli altri sono più bravi di me” – paranoia

Vedere tutti gli altri (ma proprio tutti-tutti?) come più abili,
più capaci o con più talento è uno dei modi perfetti ed efficaci per farsi del male!

Confrontarsi con gli altri può essere frustrante,
ognuno è meglio e peggio di altri su un numero illimitato di scale di valori.

Dal confronto si esce quasi sempre (e inevitabilmente) sconfitti,
non perché gli altri siano migliori o tu sia una persona senza qualità,
ma perché ci si confronta con un’immagine ideale,
quindi irraggiungibile.

Anche se raggiungi il successo,
ci sarà sempre qualcuno che avrà qualcosa più di te.

“Sono esausto” – normale

A fine di giornata (nonostante i mille caffè) gli occhi ti si chiudono,
crolli sulla cena e a malapena riesci a trascinarti sul divano.

Tranquillo, è assolutamente normale.

Quando inizi un nuovo lavoro, sei “attivo” tutto il giorno,
impegnato a fare “buone prime impressioni” e ad assorbire più informazioni possibili.

Questo sicuramente è logorante.
È solo questione di tempo,
ti sentirai di nuovo te stesso in poche settimane.

Mi faranno fuori perché non sono esperto” – paranoia

Capisco la tua ansia da nuovo lavoro ma … inizialmente,
nessuno si aspetta che tu sia un esperto.

Forse non hai (ancora) le competenze necessarie per fare il lavoro perfettamente,
probabilmente stai facendo (esattamente) quello che si aspettano che tu faccia,
fino a questo momento.

Chi-ti-ha-assunto sa che hai voglia d’imparare,
vuoi dimostrare il tuo valore e la tua abilità.
Questo è (probabilmente anche) uno dei motivi per cui sei stato assunto.

“Non ho amici” – normale

Nel tuo ultimo lavoro,
conoscevi tutti, socializzavi e ti divertivi (anche fuori dall’ufficio) con tutto il team.

Ma in questo nuovo ambito, non hai ancora legato con nessuno,
e ti senti un po’ solo.
Ci sta, è perfettamente normale.

Le relazioni sul nuovo luogo di lavoro esigono un po’ di tempo. Leggi il post per approfondire.

Qualunque cosa succeda,
evita di lamentarti e di spettegolare con i tuoi nuovi colleghi per creare un legame.

È facile cadere nella trappola di gossippare per fare i simpaticoni o sembrare uno “della banda”,
ma alla fine, se lo fai, danneggerai la tua reputazione.

ansia da nuovo lavoro

“Nessuno vuole mangiare con me” – paranoia

I primi giorni del nuovo lavoro può capitare di mangiare da soli.
Non c’è confidenza, familiarità,
ognuno resta sulle sue.

Non aspettare che siano gli altri a estendere l’invito.
Fai un respiro profondo,
mettiti in gioco (affronta l’ansia da nuovo lavoro) e chiedi di sederti con un gruppo di nuovi colleghi durante il pranzo.

Fare il primo passo ti fa apparire una persona – oltre che sicura – anche amichevole e disponibile.

Foto:Moshehar

leggi anche la parte 2 small ...

Faccia a faccia con il tuo peggior nemico: il critico interiore – 2

critico interno

critico interno

5. Sostituisci pensieri eccessivamente critici con affermazioni più realistiche

Impara a riconoscere quando i tuoi pensieri critici sono esageratamente negativi.
Trasforma un pensiero eccessivamente pessimista in un’affermazione più razionale e realistica.

Quando ti ritrovi a pensare: “Non faccio mai niente di buono“,
sostituisci la frase con una più ragionevole del tipo “Quando si tratta di numeri e di contabilità, mi trovo in difficoltà”.

Ogni volta che ti trovi in testa un pensiero esageratamente negativo,
rielabora con una dichiarazione più accurata,
guardando la situazione in modo più razionale e meno emotivo.

Se pensi “Non riuscirò mai ad avere un posto di responsabilità”,
esamina le prove che supportano questa dichiarazione ma anche quelle che contestano quest’affermazione.
Guarda l’argomento da entrambi i lati.

A volte è utile scrivere,
elencare tutte le prove che supportano ma anche quelle che contraddicono questo pensiero.
Vedrai che la notte non è così nera come l’hai dipinta.

6. Dai forza al tuo dialogo interiore

Il tuo dialogo interiore alimenterà il tuo successo o ti impedirà di raggiungere il tuo pieno potenziale.
Devi diventare il tuo migliore consigliere.

Più riuscirai a migliorare il tuo dialogo interiore,
più avrai forza per andare avanti nei momenti difficili e farai “pace” con i tuoi limiti e con te stesso.

Vedrai com’è motivante utilizzare pensieri tipo:
E’ difficile, ma mi sto impegnando e ce la posso fare” oppure “Ho fallito. Domani ricomincerò più forte dei miei errori”.

Utilizza il dialogo interiore (modificandone le parole) per darti forza,
e continua a lottare per i tuoi successi e per i tuoi sogni!

Il progresso sconfigge il critico interno.

7. Fai attenzione alle parole che utilizzi

“Le parole hanno il potere di distruggere e di creare.
Quando le parole sono sincere e gentili possono cambiare il mondo.”

Buddha

Poni attenzione alle parole che utilizzi per descrivere la realtà, ma anche per parlare di quello che pensi di te stesso, dei limiti che ti dai, degli obiettivi che ti poni.

Il tuo critico interiore imposta obiettivi irragionevoli e poi ti dice… “Dai forza, vai a prenderlo” .

Il tuo critico prova vergogna davanti a traguardi facilmente raggiungibili.
I suoi obiettivi sono l’auto-sconfitta,
il sogno irrealizzabile e a sfiducia.

8. Sii comprensivo con te stesso

Hai notato come siamo indulgenti con gli amici,
e quanto diventiamo duri e spietati quando si tratta di noi stessi?

Abbiamo poco o nessun controllo su come ci sentiamo e su cosa pensiamo. Molte delle nostre risposte emotive e cognitive sono automatiche.
Non dovremmo mai giudicarci così duramente.

Dobbiamo sviluppare l’autoconsapevolezza per diventare coscienti di questi pensieri e azioni automatiche.
Ci vuole un piccolo sforzo e allenamento per migliorare la consapevolezza di sé.

C’è differenza …
dire sempre a te stesso che non sei abbastanza bravo,
e dire sempre a te stesso che puoi lavorare per diventare migliore.

9. Prendi una certa distanza dal tuo critico interno

Identifica i pensieri di cui devi essere consapevole e quelli che devi lasciare andare.

Accettare le tue debolezze per quello che sono oggi, non significa che devi rimanere così per sempre.
È importante riconoscere di avere difetti ma anche decidere di sforzarsi per migliorare.

Il tuo critico interno detesta il progresso, ama la sicurezza, si concentra solo su “non voglio” e “non mi piace”.
Non ti supporta mai.

Qual è il più grande passo in avanti che puoi completare oggi?
Non preoccuparti di quanto sia piccolo, minimo.
Fallo.

Se riesci a distaccarti e operare contro questo pensiero distruttivo,
diventerai più forte, mentre il tuo critico interno si indebolirà.

Foto: cj_wells88

critico interno

Faccia a faccia con il tuo peggior nemico: il critico interno – 1

critico interiore

Tutti abbiamo un critico interiore.
Questa “voce interna” che esprime di continuo un commento negativo su chi-siamo e come-ci-comportiamo.

“Avresti dovuto…”
“Sei fottuto.”
“C’è qualcosa che non va in te.”
“A loro non piaci.”
“Non puoi farlo.”
“Sei un perdente.”
“Tanto non ce la farai. Come sempre.”
“Sei brutto/stupido/grasso”
“Sei diverso dagli altri.”

Questa voce critica si forma dalle nostre esperienze di vita;
esperienze dolorose e spiacevoli che producono emozioni negative e pensieri depotenzianti.

A ogni particolare situazione stressante o dannosa che ci capita,
ecco che spunta la voce critica che è in noi.

Il critico interiore non analizza oggettivamente

Piuttosto alimenta continuamente un dialogo interno eccessivamente negativo che crea ostacoli e impedimenti.
È autodistruttivo, può essere dannoso per te e per gli altri.

Ecco 9 spunti per “domare” il tuo critico interiore,
far tacere la sua negatività e migliorare il benessere della tua vita:

1. Sviluppa consapevolezza dei tuoi pensieri

Quando usciamo dalla nostra zona di comfort, il nostro critico interiore inizia ad avvertirci dei potenziali modi in cui potremmo fallire… con pensieri spesso esagerati, prevenuti, sproporzionati.

Siamo così abituati a sentire i nostri stessi racconti che è difficile diventare consapevoli dei messaggi che ci stiamo mandando.

Riconoscere che il tuo critico interiore è al lavoro …
è il primo passo per ridurre la sua presa su di te.

2. Ricorda che la voce del critico interiore non è la realtà

“Nel reale si rischia di soffocare,
nell’irreale di perdersi.”

Mario Andrea Rigoni

Ricorda che la tua voce interiore critica non è un riflesso della verità.
È una prospettiva che hai adottato sulla base di esperienze e atteggiamenti negativi che hai vissuto e interiorizzato.

Il tuo critico interiore sta cercando di proteggerti da possibili danni,
alcuni pensieri potrebbero essere veri,
spesso sono falsi, raramente sono utili.

Non lottare con il tuo critico,
piuttosto vedilo per quello-che-è
una “voce” che propina opinioni, piuttosto che fatti.

Non agire sulle direttive del tuo critico interiore.

3. Smettila di rimuginare

A volte,
potresti sorprenderti a pensare e ripensare più volte a quella cosa imbarazzante che hai fatto,
o a quella frase che non avresti dovuto dire,
ma oramai è fatta.

Se continui a ruminare, rimasticare,
non farai altro che sentirti peggio e non risolverai il problema.

Non cercare di evitare di pensarci,
perché più probabilmente ti concentrerai e rafforzerai questo pensiero.

Invece,
è importante distrarsi con un’attività – tipo fare una passeggiata, parlare di un argomento completamente diverso, ecc. – per fermare i pensieri critici,
prima che vadano fuori controllo.

4. Parla a te stesso come se parlassi a un amico

Che cosa diresti a un caro amico che ti confida pensieri di inadeguatezza e sentimenti di insicurezza?

Non penso qualcosa del tipo: “È giusto così … sei così insicuro e goffo” oppure
“Per l’ennesima volta hai dato prova di non saper fare niente di buono”
“Sei un perdente, non puoi farci niente!”

Eppure,
con te stesso saresti capace di dire cose molto più dure e crudeli.
Il tuo critico interiore è felice quando costruisci muri.

Invece (anche a te stesso) dovresti offrire parole compassionevoli, di incoraggiamento,
d’incitamento, proprio come faresti con il tuo migliore amico.
Foto: cj_wells88

critico interiore

12 differenze tra chi ha successo e chi non ce la farà mai – 2

avere successo

Leggi la parte 1.

7. La persone di successo impara continuamente. La persona che non ha successo pensa di sapere tutto.

L’unico modo per crescere come persona,
professionista e leader è … continuare a imparare.

In questo modo,
puoi diventare sempre più flessibile ed essere un gradino sopra la concorrenza.

Le persone di successo non smettono mai di essere curiose,
sono sempre protese a migliorare loro stesse,
ad ampliare le proprie conoscenze,
sempre in cerca d’ispirazione.

Le persone che “non arrivano” si trincerano dietro il loro sapere,
le loro convinzioni e certezze.
Inflessibili, irremovibili, granitiche.
Alla prima scossa vanno in 1000 pezzi!

8. La persona di successo chiede ciò che vuole. La persona che non ha successo ha paura dei rifiuti e di fallire.

Rifiuto e fallimento sono due delle paure più paralizzanti,
quelle che impediscono alle persone di chiedere ciò che vogliono veramente.

Spesso non chiediamo una promozione, un nuovo progetto, un appuntamento galante, ecc…
perché pensiamo di poter fallire oppure di essere respinti.

In realtà siamo quasi sicuri che falliremo,
perché non chiediamo ciò che vogliamo.
Ci approcciamo esitanti e indecisi, inviamo messaggi discordanti che ci portano inevitabilmente fuori strada.

Se vuoi avere successo,
abbraccia la paura del NO e chiedi per il SI.

Il primo passo per avere successo, nella tua carriera e nella vita, è capire te stesso.
Le persone di successo cercano sempre di capire meglio loro stesse,
le loro motivazioni inconsce,
ciò che cambia il loro stato d’animo e il modo d’interagire con gli altri.

9. La persona di successo prende decisioni difficili. La persone che non riesce cerca sempre la via più facile per avere successo.

“Domani sarò ciò che oggi ho scelto di essere.”
James Joyce

Quando il gioco si fa duro, spesso, prendiamo la via più facile.

Quella che sembra essere la via più facile per uscire da circostanze avverse si trasforma spesso in una china scivolosa di insuccesso e disillusione.

Il carattere e la forza d’animo sono determinati quando i tempi sono difficili.

Ci saranno momenti ardui in cui dovrai prendere decisioni difficili.
Lo sai.

Potresti dover dire “no” a una persona cara,
rinunciare a un progetto cui ambivi,
partire all’improvviso,
combattere per ciò che ritieni sia giusto.

10. La persona di successo ascolta tanto. La persona senza successo parla troppo.

L’ascolto è l’abilità più importante (e sottovalutata) nel mondo degli affari,
e nella vita in generale.

Quando siamo entusiasti delle nostre idee o del nostro lavoro,
tutto ciò che vogliamo è parlare. Ma meno parliamo,
più sarà facile persuadere altre persone ad apprezzare queste idee e a gradire la nostra persona.

Ascoltare le persone è la chiave per conquistarle nella vita e negli affari.

Le persone di successo sono attente,
sanno ascoltare, mettono da parte il loro ego, i loro preconcetti e pregiudizi,
fanno domande intelligenti e trovano soluzioni ai bisogni dell’altro.

11. La persona di successo mantiene un atteggiamento positivo. La persona senza successo si lascia travolgere dalla negatività.

Un atteggiamento positivo è contagioso, specialmente quando viene da un leader.

Grazie al loro atteggiamento positivo, le persone di successo attirano tante persone intorno a loro.
Sono magnetiche, irresistibili.

La persona senza successo, invece, non ha il controllo delle proprie emozioni.
si lascia abbattere dalla negatività, da un parere discordante o una battuta,
Mette il broncio alla minima osservazione, si avvelena la giornata per un nonnulla,
Manca autoironia e spirito di autocritica.

È difficile,
quando sei suscettibile, oppure hai continui sbalzi emotivi, essere anche affascinante e irresistibile.

avere successo

12. La persona che “arriva” sa che il successo è più che denaro. La persona che non ce la fa crede che il successo sia solo ciò che vede in TV.

Se chiediamo alla maggior parte delle persone cosa significa il successo per loro,
risponderanno con il classico “stile di vita da ricchi e famosi”:
acquistare una nuova villa con piscina, un’auto di lusso, abiti firmati, gioielli preziosi e vacanze da sogno.

Per chi “ce la fa”,
avere successo è il risultato delle decisioni che prendi e delle azioni che fai.
Significa (oltre al benessere finanziario) avere intuizioni, prestare attenzione, capire giudiziosamente,
agire con saggezza.

Valutare l’autenticità e avere amici con i quali condividere una connessione profonda.
Conversazioni impegnative. Qualità anziché quantità.

Avere successo significa avere il tempo per se stesse,
dove poter esplorare la crescita personale e prendere tempo per ritrovarsi.

Il successo non è (solo) ciò che hai ma piuttosto chi sei.

In definitiva,
le persone di successo prestano attenzione ai dettagli.

Sanno che differenza tra ordinario e straordinario si trova nell’attenzione che è data ai dettagli.
Infatti, spesso un dettaglio trascurato può rovinare l’intero progetto.

Non ignorare nessuna parte di ciò che costituisce la tua vita.

avere successo

12 differenze tra chi ha successo e chi non ce la farà mai – 1

avere successo

C’è sempre una netta differenza tra il successo e l’insuccesso.

Differenza di approccio, abitudine e decisione, adattamento e allineamento dei pensieri,
desiderio di passare all’azione per raggiungere gli obiettivi,
e fare la differenza.

Avere successo (che può essere tradotto come raggiungere i propri obiettivi, grandi o piccoli che siano poco importa) vuol dire soprattutto duro lavoro,
determinazione e perseveranza.

Ecco 12 differenze tra chi ha successo e chi invece difficilmente riuscirà nell’impresa:

1. La persone di successo passa subito all’azione. Chi non ce la fa, trova scuse per rimandare.

“Sono convinto che circa la metà di quello che separa gli imprenditori di successo
da quelli che non hanno successo … sia la pura perseveranza.”

Steve Jobs

Le persone “che ce la fanno”, sono positive, indirizzate ai risultati,
abituate a trovare soluzioni e risolvere i problemi,
sono anche flessibili, pronte ad affrontare qualsiasi difficoltà che possa insorgere.

Sono orientate all’azione.

Le persone che non arrivano,invece,
passano la vita a cercare una scusa per non muoversi, per non passare all’azione.
Non hanno mai il tempo per trovare la risposta al loro problema.

Chi diventa bravo a inventare scuse,
non sarà mai bravo in nient’altro.

Le persone che trovano scuse, non saranno mai ricordate per quello che hanno fatto.

2. La persone di successo non nasconde le debolezze. Chi non riesce ad avere successo, fa di tutto per coprirle.

Sin da piccoli spendiamo molte energie nel tentativo di mascherare le nostre debolezze,
e le nostre emozioni (perché le reputiamo sintomi di debolezza).

Spesso ci diciamo: “Sono il migliore.”
Ma dietro… quanta insicurezza!

Essere forti vuol dire essere consapevoli che i propri sentimenti possono influenzare pensieri e comportamenti.

È necessario imparare a gestire e controllare le emozioni,
non farsi controllare da esse.

La persona di successo,
invece di sprecare energia cercando di coprire le mancanze,
riconosce i  difetti e investe il proprio tempo per migliorare se stessa.

3. La persona che arriva, abbraccia il cambiamento. Chi non ce la fa, lo teme.

Abbracciare il cambiamento è una delle cose più difficili che una persona possa fare.

Il mondo si muove sempre più rapidamente, la tecnologia sta accelerando ancor di più,
è imperativo accettare e abbracciare questi cambiamenti,
piuttosto che temerli o negarli.

Le persone di successo sanno che possono cambiare la loro mente e le loro convinzioni.
Sono aperte al mutamento, studiano, leggono, si informano,
stanno al passo con i tempi.

4. La persona di successo parla di idee. La persona delusa sparla di altre persone.

Le persone di successo discutono di idee,
dialogano di progetti, confrontano prospettive; perché sanno che condividere idee con gli altri non farà che migliorarle.

Le persone “che ce la fanno” hanno di meglio da fare che sparlare di altre persone.

Parlano piuttosto dei loro sogni,
dei loro obiettivi, dei loro piani,
e delle loro aspirazioni.

Avere successo vuol dire non perdere tempo (ed energie) a gossippare.

5. Chi ha successo si associa a persone che hanno sogni e obiettivi. Chi non ce la fa si lega a incerti e negativi.

Le persone di successo ignorano gli scettici e i pessimisti.
Quelli che vogliono, ma non fanno mai niente, quelli che si lamentano, quelli che rimandano,
che succhiano l’energia, che trovano scuse per tutto,
quelli negativi, quelli drammatici.

Hanno imparato che ascoltando continuamente problemi, lamentele, pessimismo si sentiranno a loro volta stanche e logore.
Mortificate nel morale e nel carattere.

Invece, chi ha successo frequenta regolarmente solo persone con un atteggiamento mentale positivo,
che danno una spinta o una prospettiva nuova. Persone che possono incoraggiare, esortare e costruire.

Fai una lista dei tuoi 5 amici e colleghi più stretti.
E poi chiediti se queste persone hanno un’influenza positiva o negativa su di te,
se ti motivano o ti bloccano, se ti danno slancio o smorzano il tuo entusiasmo.

avere successo

6. Chi ha successo accetta la responsabilità per i propri fallimenti. La persona che non ha successo incolpa gli altri.

I grandi leader e uomini d’affari sanno che la vita è un susseguirsi di alti e bassi, vittorie e sconfitte,
accettano sempre la responsabilità dei loro fallimenti e dei loro errori,
avere successo vuol dire prendersi l’onere di risolvere il problema.

Non cercano scuse.
Le scuse sono a uso esclusivo di indecisi e incompetenti.

Le persone “che ce la fanno” vogliono che anche gli altri abbiano successo.
Sanno che quando si lavora in un’organizzazione, per avere un buon risultato, tutti devono avere successo.
Invece,le persone che “non arrivano” segretamente sperano che gli altri falliscano.

Le persone di successo danno agli altri il merito delle loro vittorie,
lasciano “brillare” chi lavora con loro,
e di conseguenza appaiono ancora più leader agli occhi del loro team.

Le persone che non hanno successo si prendono il merito dagli altri.
Tristemente.

avere successo

7 metodi infallibili per fare scappare i collaboratori migliori – parte 2

errori dei manager

errori dei manager

5. Mancanza di considerazione

A chiunque farebbe piacere sapere che sta lavorando bene.
Eppure…

Perché non chiediamo mai (a chi lavora con noi) pareri e feedback?
Perché tratteniamo le informazioni e non le condividiamo?
Condividere le informazioni è un grande atto di fiducia e un riconoscimento molto potente per chi lavora con te.

Distribuire le varie responsabilità,
condividere le informazioni è un attestato di fiducia per i collaboratori …
è come dire a ciascuno di loro “Io mi fido di te”.

Quando i leader sono trasparenti, sinceri e onesti,
le persone sono motivate.

I dipendenti che non si sentono compresi e apprezzati (per i loro sforzi) perdono gradualmente entusiasmo.

Ricevere solo disposizioni dall’alto, senza partecipare (pur minimamente) al processo decisionale,
fa sentire le persone senza importanza,
inutili. Uno dei maggiori errori dei manager!

6. I favoritismi sono uno dei principali errori dei manager

In Paradiso si entra per favoritismo. Se si entrasse per merito, tu resteresti fuori ed il tuo cane entrerebbe al posto tuo.
Mark Twain

Spesso (forse senza rendercene neanche conto),
coinvolgiamo sempre e solo le stesse persone… manifestando le nostre preferenze in maniera evidente.

È naturale e normale,
sentire maggiore feeling e simpatia per alcune persone rispetto ad altre,
ma se poi dimostriamo faziosità, promuoviamo non il migliore ma il più fortunato o il più raccomandato,
perdiamo la stima di tutto il team e creiamo demotivazione.

Naturalmente ci sono collaboratori che sono e devono essere più coinvolti rispetto ad altri ma è necessario coinvolgere (con le dovute differenze) ogni membro del tuo team.

È importante dimostrare che viene promosso chi davvero svolge il proprio lavoro con costanza,
impegno e professionalità.

Leggi questo post per approfondire.

7. Tutto è dovuto

Se vuoi essere proprio sicuro di generare genera noia e sensazione di inutilità nel tuo team,
c’è una cosa semplicissima che puoi fare… anzi non fare.
Non fare niente.
Semplice no!

Aspettarsi che il lavoro venga fatto impeccabile come sempre, come se tutta la fatica non contasse nulla,
considerare i risultati ottenuti come qualcosa di dovuto, scontato,
semplicemente il frutto del lavoro.
E ci mancherebbe …

Non dire “Per favore” e “Grazie”.
Tutto è dovuto.
Ecco uno dei fondamentali errori dei manager.

Eppure spesso sono proprio i complimenti,
le gratificazioni e le ricompense (non per forza economiche) a stimolare il dipendente a crescere e non cambiare azienda.

“Grazie”e “Per favore” sono parole che si sentono sempre meno (non solo in ambito lavorativo),
nonostante racchiudano un grande valore positivo,
soprattutto nei momenti più difficili.

Leggi questo post per approfondire!

errori dei manager

Nella gestione del team devi dare un valore aggiunto

Se gestisci un team (piccolo o grande, non fa differenza), quando operi a contatto con le persone,
se il tuo successo dipende dai collaboratori che gestisci,
devi riuscire a dare un valore aggiunto.

Devi prendere coscienza dei mutamenti, adattarti a questi cambiamenti e porti domande su come migliorare e approcciare con più efficacia i tuoi collaboratori,
attraverso la comunicazione, i gesti e i comportamenti.

A volte,
una stretta di mano e un semplice “Grazie” o “Ottimo lavoro!” detto con sincerità,
guardando negli occhi il tuo collaboratore possono fare piccoli miracoli motivazionali!

Pochi considerano la gestione del team un valore o un’area strategica su cui investire.
Chi lo fa, vince!

errori dei manager

7 metodi infallibili per fare scappare i collaboratori migliori – parte 1

errori dei manager

Quali abilità deve avere un manager per definirsi competente?
Un modo affrettato e semplicistico di rispondere potrebbe essere: ottenere buoni risultati.
E senz’altro è (anche) vero.

È certamente utile comprendere cosa-fanno i manager di successo, ma altrettanto importante è conoscere cosa-non-fanno. Quali sono i principali errori dei manager.

Un buon manager è anche quello che non lascia fuggire i migliori talenti.
Infatti, non sono pochi i collaboratori che decidono di licenziarsi o di cambiare azienda proprio a causa dei propri superiori.

Ecco 7 metodi infallibili che provocano la fuga dei dipendenti migliori (e i concorrenti sentitamente ringraziano):

1. Rapporti professionali freddi

Che cosa trasmetti,
che cosa percepisce una persona quando entra nel tuo ufficio?
Avverte un’attenzione particolare, la tua partecipazione,
la tua disponibilità?

Oppure rimane la gelida sensazione di essere accolto con sufficienza,
indifferenza o risentimento (sembra che si sta disturbando)?

Non sono pochi i responsabili di team che mi contattano,
lamentando problemi di rapporti con i collaboratori, con tutto il seguito di conflitti,
scarsi risultati, bruciori di stomaco e… notti insonni.

Distinguiamo professionalità e comportamento.
Allo stesso tempo puoi essere professionale e competente ma anche gelido,
scortese o scostante.

Le soddisfazioni emotive (riconoscimento, disponibilità, apprezzamento, empatia, ascolto, ecc.)
sono quelle più gratificanti ma anche quelle più sensibili e “pericolose”,
quando non sono soddisfatte.

Cerca di essere un team leader empatico e comprensivo, disposto all’ascolto,
capace di dialogare con i propri dipendenti,
alleggerisci la pressione e invoglia a parlare dei problemi … prima che sia troppo tardi!

2. Il micro-management è uno dei principali errori dei manager

I dipendenti migliori sono quelli che possono lavorare in autonomia,
perché sono in grado di autogestirsi senza nette direttive.

Allora che senso ha pretendere di verificare la corrispondenza, le mail,
di bloccare tutto finché non dai il tuo “OK”,
anche per questioni di secondaria importanza?

Lo sai che così facendo, limiti la capacità delle persone, scoraggi l’iniziativa,
blocchi la motivazione, la crescita professionale?

Se sei riluttante a delegare,
ti concentri sui dettagli e scoraggi le persone nel prendere l’iniziativa,
è facile che diventi “il collo di bottiglia” della tua attività e il motivo principale della fuga dei tuoi migliori collaboratori.

3. Azioni senza motivo

Sono sicuro che le azioni che proponi abbiano una ragione e uno scopo …
ma se le conosci solo tu… per il tuo team diventa demotivante e scoraggiante.

Le persone che lavorano con te hanno bisogno di conoscere lo scopo, il fine o il traguardo più alto.
Se non capiscono il significato del loro lavoro,
perdono passione ed entusiasmo.

I collaboratori (che lavorano per raggiungere obiettivi) che inaspettatamente vengono spostati … sentono spegnere il loro fuoco motivazionale.

Se imposti scadenze e obiettivi non realistici, le persone rinunciano;
stai demotivando i tuoi collaboratori perché le persone sono consapevoli che non potranno mai raggiungere quel traguardo impossibile.
Già alla partenza.

Senza scopo,
le ore di lavoro sono prive di significato.

4. Incoerenza

“Credo ciò che dico, faccio ciò che credo.”
Victor Hugo

Per uccidere la fiducia delle persone in un colpo solo – e senza possibilità di espiazione – è sufficiente …
non mantenere la parola data.

Non sono pochi i lavoratori che si lamentano di un’opportunità promessa che non si è mai materializzata o del proprio capo che ha preso credito per il lavoro…
fatto dai collaboratori!

Onestà, integrità e fiducia sono assolutamente essenziali per la gestione del team e per il successo professionale.
L’incoerenza è un boccone amaro da digerire.
Per tutti.
È uno dei principali errori dei manager.

Foto: Kaz

leggi anche la parte 2 small ...