6 spunti per superare la paura di sbagliare

paura di sbagliare 3

Se esiste una paura che davvero accomuna la maggior parte di noi,
è la paura di sbagliare.

Abbiamo paura di fallire, di avere insoddisfazioni, delusioni nella vita, di non essere buoni, di non essere capaci,
ci lambicchiamo per ore il cervello per convincerci di smetterla con le seghe mentali,
che non c’è ragione di porsi certi problemi,
che non è poi la fine del mondo se sbagliamo, eppure …

Iscriviti alla Newsletter e ricevi GRATIS la guida sul coaching "Investi su Te Stesso"

siamo così convinti della gravità del nostro sbaglio,
che ci assale subito l’ansia,
al solo pensiero di poter fare ancora una volta un passo falso.

La paura di sbagliare ancora ci blocca, ci fa indietreggiare ai primi ostacoli, ci paralizza all’azione e ci obbliga a gettare subito la spugna.

Demordere a prescindere.
Rinunciare per paura di fallire …
ecco il fallimento più amaro!

Ricordiamoci che le persone di più successo non sono quelle di maggior talento ma
quelle che non mollano mai,
anche se inciampano nei loro errori,
si rialzano e proseguono.

1. Non ricercare la perfezione

“Devo essere perfetto”
“Non devo sbagliare”
“Non mi posso permettere errori”

Quando vogliamo essere perfetti, efficienti e sempre “all’altezza”,
ci carichiamo sulle spalle carichi emotivi molto pesanti …
l’errore è un mostro angosciante da evitare ad ogni costo e …
anneghiamo in ansia da prestazione o da fantasie che gli altri ci stanno giudicando male.

Se vuoi sconfiggere la paura di sbagliare non devi puntare alla perfezione ma al migliore risultato possibile.
Devi essere consapevole di aver dato o fatto il massimo con le risorse a tua disposizione, considerando tutte le variabili,
impedimenti e intoppi che sono fuori dal tuo controllo e la tua volontà.

2. Considera gli errori un’opportunità

Che succede se ci si fermiamo ai primi ostacoli ed errori?

Cosa accade se non ci mettiamo in gioco per paura del fallimento o di essere giudicati male dalle altre persone?
Potremo forse un giorno suonare la batteria, imparare l’inglese o aprire un agriturismo biologico?

Solo attraverso ripetuti sbagli ed errori possiamo migliorare e perfezionarci.
Nessuno, neanche un genio,
ci riesce senza sbagliare e commettere continui grossolani errori.

Ogni errore è una lezione per il futuro,
che ci indicherà qual è la strada giusta da percorrere.

Affrontando la paura di sbagliare e di fallire ne uscirai comunque rafforzato,
più disposto,
pronto ad affrontare nuove sfide e crescere dal punto di vista personale.

3. Non boicottarti per la paura di sbagliare

“Tanto sbaglio sicuramente ”
“Lo sapevo che sbagliavo”
“Prima o poi … sbaglio di sicuro“

La profezia che si auto-avvera non è una stregoneria.
Funziona.
Davvero!

Se sei convinto di sbagliare o credi di fallire, per il solo fatto di crederlo ti comporti in un modo tale che …
la tua aspettativa si avvera.
È solo una questione di tempo e poi … spash!
Il tuffo nell’acqua gelata arriva di sicuro.

Se ti aspetti di sbagliare vuol dire che non hai fiducia nelle tue capacità,
l’errore fatto diventa una conferma delle tue incapacità e una ragione in più per desistere e mollare tutto.

Se invece,
accetti l’errore come un insegnamento, il passo falso appena compiuto t’indicherà quale mossa dovrai evitare nella tua scalata al successo.
È proprio vero: sbagliando s’impara!

4. Separa “ho sbagliato” da “sono sbagliato”

Siamo abituati ad associare l’errore alla persona.
Aver sbagliato, ci autorizza inoltre a considerarci delle persone sbagliate.

Come se fossimo ancora a scuola,
ci diamo sempre un voto, una valutazione, un giudizio, una sentenza inappellabile e spietata:
se “ io ho sbagliato” vorrà dire che “io sono sbagliato”.

Dobbiamo ristrutturare le nostre convinzioni e smussare gli angoli dell’autocritica più tagliente e imparare a pensare: “io non sono l’errore” ma “ho commesso un errore”.

La differenza è evidente.

5. Accetta di aver paura di sbagliare

Viviamo in tempi complessi e incerti.
Per quanto tu possa organizzare e pianificare le tue scelte, ci saranno sempre imprevisti, calcoli sbagliati, ritardi o cambi di programma.

La verità è che la paura di sbagliare ci accompagnerà sempre.

paura di sbagliare

 

Avremo sempre timore di sbagliare,
di non conoscere a priori quale sia la scelta sbagliata e quale quella giusta.
Dobbiamo accettare che non ci sono certezze e non esiste la garanzia di successo quando siamo di fronte ad una scelta.

Quando accettiamo la paura come parte  integrante del nostro percorso personale,
non significa che siamo diventati paurosi, rassegnati o irresponsabili.
Vuol dire che scegliamo di essere saggi e concreti, prendiamo coscienza di un dato di fatto.

Senza cadere nel vittimismo o cercare di accampare scuse per i nostri errori,
cerchiamo di accettare i nostri limiti ed essere più comprensivi con noi stessi.

 

 6. Usa l’autoironia

L’autoironia è la capacità di sdrammatizzare,
il saper ridere della nostra insicurezza e del nostro errore,
vuol dire avere coscienza dei nostri limiti e della nostra fragilità.

Sembra facile, ma in realtà usare l’ironia in certi frangenti è più facile a dirsi che a farsi.
Richiede molta umiltà e altrettanto coraggio.

In conclusione la frustrazione, che accompagna ogni nostro errore, non ci dice di rinunciare ma c’invita a provare una nuova strada;
infatti solo alla fine,
dopo tanti sbagli,
arriviamo per esclusione al modo giusto.

Per vincere dobbiamo, per prima cosa,
 imparare a sbagliare.

E tu come la vedi?
Hai già provato a pensare come sarebbe la tua vita senza la paura di sbagliare o di fallire?