9 spunti per criticare il tuo collaboratore senza compromettere il rapporto – 1

criticare

Come responsabile del tuo team puoi tollerare gli sbagli dei tuoi collaboratori,
ma devi affrontare subito e con la massima attenzione gli errori dettati da incompetenza, superficialità o negligenza.

Meglio affrontare al più presto la questione: sorvolare o non dire niente per amicizia,
timore o per mantenere pace e tranquillità vuol dire perdere fiducia e stima di tutto il tuo personale.

Come puoi criticare il tuo collaboratore e nel contempo evitare, se possibile,
rancori e risentimenti che renderanno difficile la convivenza quotidiana con quelle persone?

Iscriviti alla Newsletter e ricevi GRATIS la guida sul coaching "Investi su Te Stesso"

Compromettere la relazione, per una critica mal formulata, potrebbe essere anche un vero errore,
soprattutto quando la persona in questione è un ottimo collaboratore,
ci lavori fianco a fianco da anni e hai sempre avuto, nel complesso, un rapporto positivo.

Andiamo con ordine e chiariamo subito una cosa:
possiamo chiamarla in vari modi (rimprovero, critica, osservazione o feedback) addolcirla con aggettivi tipo positiva, motivazionale o costruttiva, possiamo parlare con disponibilità e cortesia ma la verità è che: criticare non è mai piacevole.

La critica non piace a nessuno

Un’osservazione negativa, anche ben formulata, getta sempre un’ombra sulla relazione tra te e il tuo collaboratore.
Se sbagli approccio rischi solo di ferire, svalutare o denigrare l’altro,
demotivare la persona o creare una situazione di ostilità e freddezza che comprometterà certamente il vostro rapporto.

L’obiettivo della tua critica non deve essere quello di punire il tuo collaboratore ma di migliorare ciò che non va.

Criticare non è facile e mai piacevole

Richiede la tua capacità di trasformare un giudizio negativo in un momento costruttivo per la crescita personale e professionale del tuo collaboratore.

La prima regola che devi seguire quando critichi qualcuno, e vuoi evitare di compromettere il rapporto, è dire tutto ciò che non va,
limitandoti però alle azioni o ai comportamenti e suggerendo,
se possibile, un modo d’agire alternativo.

criticare

 

Non è facile scindere completamente la persona dall’azione o dal comportamento che ha avuto,
ma sforzati di farlo se vuoi riuscire nel tuo intento.

Parla in modo chiaro, senza aggressività o offese.
Inizia il tuo discorso con “Mi sembra… “ o “Posso sbagliarmi, ma… “ per rendere la conversazione meno tesa.

Non attaccare i punti deboli del tuo collaboratore.
Se inizi in questo modo,
la persona interpreterà il tuo atteggiamento come un qualcosa di personale, causando una reazione inevitabilmente difensiva.

Le critiche sono sempre difficili da accettare

Le critiche contrastano col nostro naturale bisogno di sentirci accettati e approvati.
Ci sentiamo attaccati, giudicati o prendiamo la critica come un’offesa personale, “non valgo poi molto” “sono incapace … ”.

Chi riceve una critica,
crea una barriera immediata di protezione, reagisce in vari modi:

  • Aggressività: “… ma come ti permetti, non è vero!…”
  • Scaricando la responsabilità su altri: “Un collega mi ha fatto perdere tempo”
  • Giustificazione: “Avevo un altro lavoro da finire”
  • Accettazione: “malgrado tutto, sei il mio capo”
  • Tristezza: “Non mi capisci… ”
  • Colpevolezza: “Non dovevo farlo … ”
  • Vergogna: “Che figura ho fatto …”

Come far accettare una critica spiacevole senza ferire e senza rischiare di far sentire la persona aggredita?
Qualche spunto strategico e un pò di empatia possono aiutarti a evitare malintesi e conflitti.

E tu, quando muovi delle osservazioni ai tuoi collaboratori, qual è la loro reazione più comune?

leggi anche la parte 2 small ...