Consigli non richiesti? 4 frasi per zittire i “dispensatori di saggezza” al lavoro

consigli non richiesti

Hai notato?
Spesso sono proprio le persone che conoscono meno la tua situazione o l’argomento che insistono nell’offrire consigli, suggerimenti, esortazioni.

Un susseguirsi irritante di “Fossi in te…”, “Al tuo posto …”, “Lo dico per il tuo bene …”, “Devi capire che … “.
Gioielli di buonsenso, perle di saggezza … il più delle volte, non richieste!

Incalzano suggerimenti, distraendoci dal nostro lavoro e facendoci sentire come scolaretti davanti alla maestra.

Ma perché non smettono di parlare e ci lasciano gestire da soli le cose?

Iscriviti alla Newsletter e ricevi GRATIS la guida sul coaching "Investi su Te Stesso"

È anche vero che …
la maggior parte delle volte, la persona (un amico/a o un collega) sta offrendo consigli perché è sinceramente preoccupata.

Spesso le persone desiderano solo aiutare e dare conforto

Altre volte,
sono persone false e cattive che offrono consigli non richiesti solo per ferirti, per creare zizzania, farti fare qualcosa che non vuoi o crearti difficoltà.

I tuoi colleghi possono comportarsi come sapientoni, ma questo non significa che devi stare lì a subire queste esortazioni non richieste.

Quando reputi questi consigli non richiesti, demotivanti o persino maleducati non aver paura di mostrare che non li apprezzi e che li trovi fuori luogo.

Dicendo che non sei d’accordo,
li incoraggi a darti un feedback diverso e più appropriato la prossima volta.

Piuttosto che farti venire il bruciore di stomaco o scendere al loro livello, usa queste 4 frasi per zittire con garbo e gentilezza (la vera forza) qualcuno che ti dà consigli non richiesti:

1. “Apprezzo i tuoi consigli, tuttavia ho già un piano per …”

Hai già un’idea, un piano, sai già cosa fare … stai già compiendo dei passi in un’altra direzione … questo rende impossibile seguire il consiglio.

Certo, potresti non avere un piano, ma la persona non lo sa!

Puoi sempre chiudere la porta con un secco “No, grazie!“,
ma può essere imbarazzante chiudere anche i rapporti con un collega.

2. “Grazie. Ci penserò.”

Anche se in realtà (forse) non ci penserai,
ecco un modo educato di rispondere.

Il rischio potrebbe essere che la persona – dopo qualche giorno – voglia verificare se hai davvero seguito i suoi suggerimenti.

3. “Grazie per il consiglio, lo considererò non appena avrò finito … “

In questo modo mostri che apprezzi il consiglio, ma devi concentrarti sul tuo lavoro.

Mentre lo dici, muoviti verso la tua scrivania, girandoti verso lo schermo del tuo PC, un qualsiasi altro movimento o segnale che indica, quanto sei impegnato e non hai tempo da perdere.

Se tutto va bene,
la persona capirà (speriamo) che sei occupato e ti lascerà stare.

4. “Questa è un’opzione interessante, ma preferisco farlo in questo modo …”

Non sempre possiamo essere d’accordo con le opinioni di qualcuno.

Utilizza esperienze passate per giustificare il rifiuto,
eviterai di offendere la persona e fornirai un contesto prezioso per i loro suggerimenti futuri.

Se l’altra persona preferisce il suo modus operandi, non necessariamente quest’approccio è giusto per te.

Spiega che non esiste uno scenario valido per tutti!

Forse l’hai provato in passato e non ha funzionato (con i tuoi clienti o il tuo team), oppure che una determinata strategia non si adatta ai tuoi obiettivi.

Consigli non richiesti? Considera sempre la “fonte”

Prima di decidere come rispondere ai consigli indesiderati, considera la fonte e il tuo rapporto con quella persona.

Se è un estraneo che non vedrai mai più,
mostra un sorriso di circostanza, dai una risposta educata e vai avanti.

Se si tratta di un collega o un amico/a che offre consigli indesiderati ogni santo giorno, è necessario stabilire alcuni limiti.

Se non hai confini e permetti agli altri di “sconfinare” regolarmente … a poco a poco ti trasformerai in una persona piena di risentimento e di amarezza.