Fare carriera oggi: devi essere aggressivo per emergere?

fare carriera oggi

Foto di Christian Supik (Fotografie) + Manuela Pleier (Design) da Pixabay

La tua collega fa sembrare grandiosa ogni cosa che fa (non importa quanto piccola)?
Gonfia risultati che (spesso) non sono così eccellenti?
Socializza (o meglio fa la gatta-morta) con le persone che contano e viene invitata a eventi importanti?

A te, invece, piace portare a termine un lavoro ben fatto, con una visione più equilibrata, reale,
non ti piace mostrare le situazioni migliori di quello che sono.

Non ti piace sgomitare e scavalcare i colleghi. Rubare il lavoro degli altri per mostrarti smart.

È una questione di stile.
Correttezza.

Iscriviti alla Newsletter e ricevi GRATIS il mio percorso di benvenuto nel coaching


Benissimo? Anche no!
Come mai stai iniziando a sentirti lasciato indietro?
Poco considerato, invisibile?
Come fare carriera oggi, senza essere arrogante?
Ricordare a tutti (ogni santo giorno) quanto sei bravo e competente?

Come ho scritto nel mio libro “Autorevolezza strategie e tecniche per diventare il riferimento carismatico dei tuoi collaboratori e colleghi” essere egocentrico non ti porta necessariamente a emergere, tuttavia, essere fiducioso, ambizioso e assertivo può sicuramente aiutare.

L’eccessiva (e aggressiva) autopromozione attira pochi favori ma spesso l’arroganza e la scorrettezza non è penalizzata ma ricompensata. Ci sono aziende in cui i calpesta-colleghi sono riusciti costantemente a raggiungere posizioni importanti.

In altri casi ha provocato malumore e negatività ma nessuno ha fatto nulla al riguardo.
È stato permesso di continuare. Un arrampicatore sociale aggressivo e senza scrupoli non potrebbe chiedere di meglio …

In generale, il riconoscimento e le ricompense (per un lavoro di alta qualità) sono inversamente proporzionali a quanto sia tollerata l’arroganza.

Alcune persone si promuovono in modo aggressivo

Sono impazienti. Irruenti.

Altre invece sono impreparate quando l’occasione si presenta.
Sono titubanti e arrendevoli.

Non devi essere fanatico, arrogante o schiaccia-colleghi ma non puoi neanche restare nell’ombra.
I tuoi capi devono sapere in cosa eccelli e che sei disponibile per un avanzamento.

Ricorda che oggigiorno le probabilità di avanzamento di carriera sono molto più basse rispetto al passato.
Se poi non alzi nemmeno la mano …

 


 

Esiste una grande differenza tra essere arroganti ed essere in grado di “vendere” sé stessi

Ti chiedo:

  • Il lavoro ben fatto viene sempre notato e adeguatamente ricompensato?
  • Il tuo capo sa sempre tutto quello che fai?
  • La modestia è una virtù, in fase di promozione?

Rispondo alla prima domanda:

  • un buon lavoro non viene automaticamente notato, figuriamoci se viene riconosciuto!

Fare un buon lavoro è importante, ma se tieni la testa bassa è probabile che verrà dato per scontato e dimenticato, non importa quanto sei bravo.

Se vuoi che i tuoi capi ti promuovano, devono sapere cosa hai fatto, qual è il tuo valore. Sono poche le aziende che monitorano in dettaglio i tuoi sforzi e i tuoi progressi,
per ricompensarti di conseguenza.

Alcune persone hanno una qualità innata di autopromozione, la maggior parte deve “esercitarsi” (io sono tra questi)

Il motivo per cui le persone arroganti sembrano andare avanti è perché aggressività ed egocentrismo spesso vengono scambiate per virtù.

Se non riesci a “vantarti” per i tuoi successi professionali, per lo meno, fai sapere alle persone quello che sai. Quello che fai bene. Ciò che hai ottenuto. Cosa hai evitato.
Impara a concentrarti di più sugli aspetti positivi.

Un mio cliente, durante il briefing mattutino, commetteva regolarmente l’errore di concentrarsi troppo su ciò che era andato storto il giorno prima.

Stava erodendo la fiducia del management nelle sue capacità perché “annunciava” solo gli aspetti negativi, senza presentare ciò che aveva (già) pensato per risolverli.

Ha iniziato a usare un approccio diverso:

  • “Ieri abbiamo avuto un arresto anomalo del sistema informatico, ma ho scoperto la causa del problema.
    Oggi ho intenzione di provare A (e se non funziona B) per risolvere l’incognita prima che potrebbe causare danni.”

Ha indicato il problema ma anche le buone idee per risolverlo.
Questo nuovo approccio ha drasticamente migliorato il suo rapporto con il management.

Se proietti risultati mediocri, li otterrai.

Con una visione più ottimistica, non solo proietti un atteggiamento fiducioso sugli altri,
ma sarai visto anche come una persona che sa-fa-risolve.

 
More: scopri il coaching per la tua carriera di successo
 

Non confrontarti con altre persone

Non preoccuparti del tuo collega che sembra “decollare”.
Potrebbe effettivamente aver realizzato qualcosa di importante. Il suo riconoscimento essere meritato.
Tieni presente che quasi certamente non hai la visione d’insieme.

Ci sarà sempre qualcuno che farà meglio di te, e farà più strada di te.
e forse senza neanche meritarlo!

Guardare gli altri non dovrebbe essere una tua preoccupazione.
Questi pensieri non sono salutari, tanto meno produttivi.
Ti renderanno solo infelice.

Prendi piuttosto soddisfazione dal fare bene il tuo lavoro, giorno dopo giorno, con risultati di qualità.

Potresti non ottenere un’ascesa fulminea (alla Maneskin per intenderci),
ma le persone un po’ alla volta lo noteranno.

 
More: scopri il coaching per potenziare la tua autostima sul lavoro
 

Per fare carriera oggi devi essere aggressivo? No, ma per lo meno assertivo e in grado di promuoverti

Non c’è niente di sbagliato nel vendere sé stessi.

Non c’è niente di male nel promuoverti, fintanto che dici la verità e non comprometti i tuoi principi e valori.

Non è necessario essere arrogante o bugiardo (come la tua collega) per avere successo, anche perché
puoi ingannare alcune persone per tutto il tempo,
puoi ingannare tutte le persone per un po’ di tempo,
ma non puoi ingannare tutte le persone per tutto il tempo.

È anche vero che non sempre sarai notato.

Dovrai fare sforzi consapevoli per ricordare alle persone quanto tu sia “prezioso” nell’economia della tua organizzazione. Questo può essere davvero fastidioso, ma è indispensabile.

È così che funziona!

Le revisioni periodiche, per esempio, sono un ottimo momento per evidenziare ciò che hai fatto. Discutere i progetti su cui stai lavorando e il loro impatto sul team e sull’azienda.

Anche avere conversazioni piuttosto regolari uno-a-uno con il tuo capo è un altro ottimo modo per farlo.

 
More: scopri il coaching per potenziare la tua team leadership
 

Fare carriera oggi? Se non alzi la mano, qualcun altro lo farà al posto tuo

Stanne certo.

Non dare per scontato che il tuo capo, il titolare dell’azienda, il CEO legga nella tua mente.
Il punto debole è pretendere che siano gli altri a riconoscere i tuoi bisogni e desideri,
senza dover dire una parola.

Non funziona così.

I tuoi desideri sono di tua responsabilità.
La tua carriera è una tua incombenza.

Se vuoi (davvero) qualcosa … esponiti.
Se desideri una promozione, dichiaralo.
Alza la mano!