Nuovo team leader? 12 suggerimenti per partire con il piede giusto – parte 1

team leader

Sei il nuovo team leader?
Che tu sia prossimo a lavorare per un’innovativa startup,
un’impresa a conduzione familiare,
oppure un grande progetto per una multinazionale,
il tuo approccio iniziale farà una notevole differenza tra il successo e il fallimento nella tua permanenza in quest’azienda.

Chi ben comincia … dice il detto.

Sarai stimolato ed emozionato.
Sarai di fronte a difficoltà e opportunità,
e il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di sfruttare al meglio tutte le situazioni …
a partire dal tuo primo giorno di lavoro.

Iscriviti alla Newsletter e ricevi GRATIS il mio percorso di benvenuto nel coaching

Se stai già pensando come spenderai il tuo nuovo stipendio,
ricorda che …
una falsa partenza rischia di bruciare la tua posizione di team leader in pochissimo tempo.

Ti stanno aspettando …

Ecco 13 suggerimenti che spero ti diano spunti e la direzione giusta per avvicinarti con successo al tuo nuovo lavoro di team leader:

1. Non devi dimostrare immediatamente quello che sai

Lo hai già fatto in fase di selezione.
Devi dimostrare cosa puoi imparare.
Qual è la tua capacità di apprendimento.

2. Lo stress che senti, lo sentono anche gli altri

Il tuo arrivo creerà stress e incertezza per molti.
Tutti si chiedono cosa cambierai.
Come il loro lavoro possa cambiare.

Un livello moderato di stress può essere molto produttivo.

Se puoi dire che le cose resteranno sostanzialmente le stesse,
dillo.
Sottolineando le certezze, eviterai che il livello di stress si alzi pericolosamente.

In ogni caso,
evita di promettere più di quanto tu possa mantenere.

In questo momento è necessaria sensibilità,
sia verso te stesso sia verso gli altri.

 


 

3. Impara subito i nomi dei tuoi collaboratori

Nessuno si aspetta che lo farai subito,
il primo giorno.

Ma ricordare, pronunciare correttamente e rapidamente i nomi dei tuoi nuovi collaboratori è molto più di una questione di educazione,
è una forma di rispetto.
Di leadership.

In un periodo in cui si parla tanto di team building,
troppo spesso ci dimentichiamo che ogni persona vuole sentirsi unica e speciale.

Quando usiamo il nome (oltre ad essere educati e gentili) stiamo creando un legame,
perché riconosciamo il valore e l’unicità della persona.
Questa semplice cortesia ti aiuterà a costruire rapporti duraturi.

4. Evita giudizi prematuri sulle persone

“La tendenza a giudicare gli altri è la più grande barriera alla comunicazione e alla comprensione.”
Carl Rogers

Spesso nutrire pregiudizi porta a modificare il nostro comportamento sulla base delle nostre credenze,
portando poi al rafforzamento degli stereotipi stessi.

 
POTENZIA LA TUA LEADERSHIP > scopri il percorso di coaching ideale per te
 

Ad esempio,
se per qualche motivo sei convinto che i collaboratori più giovani (magari con piercing e tatuaggi) siano poco professionali,
probabilmente con quella tipologia di dipendente assumerai un atteggiamento più critico e indisponente.

Questo tuo atteggiamento sarà visto come ostile e ingiustificato dal giovane collaboratore che a sua volta si metterà sull’offensiva,
rafforzando (e avvalorando) così di conseguenza il tuo pregiudizio.
La profezia si è avverata.

5. Non credere a tutto quello che ti verrà detto

Alcuni vorranno manipolarti.
Alcuni vorranno accattivarsi la tua benevolenza.
Altri ancora ti osserveranno costantemente per carpire le tue intenzioni.

Ci saranno persone che ti seguiranno per vederti fallire,
e altre che ti seguiranno perché desiderano che tu possa avere successo.

Ti basta sapere che ognuno avrà un motivo per “aiutarti”,
sta a te scoprire in che modo.

 
CARRIERA DI SUCCESSO > scopri il percorso di coaching ideale per te
 

6. Non essere il team leader so-tutto-io

Sei bravo e capace.
Giovane e rampante.
Ma certo!

Il tuo primo istinto è cercare tutti i modi di dimostrare quanto sei capace.
La verità è che, se ti manca l’umiltà e il rispetto per gli altri,
avrai difficoltà a convincere colleghi e collaboratori delle tue abilità e non sarai visto come un giocatore di squadra.

Se saprai resistere alla tentazione di impressionare,
se riuscirai a osservare il tuo ambiente lavorativo,
cercando (veramente) di capire come lavora l’azienda,
mostrando il tuo genuino interesse per le persone …
i risultati saranno potenti.

CONTINUA A LEGGERE > la parte 2.