Curriculum store manager: 7 chiavi per renderlo molto più appetibile (parte 2)

curriculum store manager

Nella parte 1 puoi trovare i primi 3 punti e le competenze più richieste nel settore store management.

4. Lessico appropriato: display o scaffali?

A che tipo di azienda spedisci il tuo curriculum store manager? Alcuni accorgimenti, correzioni o variabili possono risultare vincenti.

Con le multinazionali o grandi aziende è meglio fare uso di verbi specifici (supervisionare, assicurare, ottimizzare, etc.) e termini tecnici (layout, display, loss prevention, database clienti, etc.) mentre per aziende più piccole o realtà “più informali” è preferibile usare verbi più comuni (gestire, sistemare, controllare, etc.) e terminologie “meno tecniche” (inventario, vetrine, camerini, etc.).
 


 

Devi adattare la tua terminologia all’azienda a cui proponi il tuo CV.

Prova a immaginare questa “forzatura” … mando il mio curriculum store manager a un’azienda leader del lusso dicendo che “sono un gerente di negozio” e parlo di “scaffali e riordinare i camerini “ mentre … a un negozio per bambini di paese scrivo che “sono uno store manager in grado di assicurare eccellenti performance di Customer Service, in linea con i parametri e agli alti standard richiesti dall’azienda”.

Utilizza parole chiave come “ho gestito” o “ho maturato esperienza” e verbi d’azione tipo “utilizzo” e “opero” piuttosto che verbi di apprendimento “ho imparato”, “ho seguito un corso” o “ho familiarità”.

5. Parola d’ordine? Personalizzazione

È fondamentale che curriculum e (soprattutto) lettera di presentazione non siano scontati e colpiscano l’attenzione di chi sta leggendo.

È opportuno utilizzare termini tecnici del settore e personalizzare ogni lettera creando “collegamenti” tra le tue competenze ed esperienze e la posizione scoperta che confidi di occupare (“Ho trovato interessante la vostra specializzazione sartoriale perché…”).

Se il curriculum store manager è un elenco del tuo percorso formativo e professionale, la lettera di presentazione ha una forma meno schematica e più spontanea … qui puoi concederti un pizzico di creatività in più!

Per personalizzare la tua candidatura, non è necessario riscriverla ogni volta, basta variare la lettera di presentazione di un 25-30% in funzione del tipo di azienda alla quale invii la tua candidatura.

Molti siti web forniscono esempi di CV già pronti. Senza un supporto e una valida indicazione per la compilazione, diventa difficile arrivare a un risultato soddisfacente. Un modello di curriculum store manager pre-confezionato può costare caro in termini di mancate opportunità d’impiego e mancati guadagni.

6. Verifica la tua “immagine online”

Non sottovalutare la tua “immagine online” ovvero la tua Web reputation.

Ogni giorno pubblichiamo materiale personale. Foto, status, commenti, opinioni: tutte queste informazioni che buttiamo in Rete (a volte con troppa facilità) delineano, giorno per giorno, la nostra immagine digitale.

 


 

Tra Facebook, Twitter, Linkedin, Instagram molti datori di lavoro si sono adattati ai tempi e consultano questi network per valutare i candidati, ancora prima dell’intervista di selezione.

Presta maggiore attenzione a quest’aspetto, diventa più consapevole delle impostazioni sulla privacy, in modo da non essere associato a un’immagine poco edificante (foto sconvenienti pubblicate su FB o tweet poco corretti) a cui le aziende potrebbero fare riferimento per decidere, o non decidere, di darti fiducia per un posto di lavoro.

7. Cosa evitare nel curriculum store manager

Cronistoria della tua vita lavorativa

Se elenchi le date come in una pagina di un libro di storia rischi di risultare noioso e poco interessante per il selezionatore. Non soffermarti con puntiglio sul corso di 2 settimane che hai fatto nel 1995 … un CV efficace deve essere snello, concreto e attuale!

Lavori di breve durata

Se hai lavorato per brevi periodi, è preferibile escludere questi lavori dal tuo curriculum store manager poiché potrebbero dare l’impressione di scarsa affidabilità oppure difficoltà nel focalizzare i tuoi sforzi in un’unica direzione. Eccezione: lavori o stage, anche per poco tempo, in un luogo prestigioso o in linea con il lavoro per cui ti candidi.

Competenze evidenti

Nell’elenco delle competenze è meglio non includere o elencare quelle basilari. Per esempio nelle competenze informatiche, se inserisci che sai navigare in Internet o che conosci Word è un po’ come dire che … sai scrivere e leggere! Se proprio vuoi, inserisci qualcosa tipo “Buona capacità di utilizzo di internet e pacchetto office”. Diverso il caso in cui conosci un programma informatico gestionale.

Definire “ottima” la tua conoscenza di una lingua …

… e poi non sai realmente sostenere una conversazione. Oppure scrivere, per esempio, “Francese scolastico“, quanto è efficace e quantificabile questo “scolastico“? A mio parere suona vecchio e riempitivo.

Informazioni sulla tua vita privata

È opportuno evitare tutte le informazioni approfondite relative alla tua sfera privata; a meno che non possano essere determinanti nella valutazione del tuo profilo o in linea con l’offerta di lavoro.
 

 

Voto di laurea

Il voto di laurea non è obbligatorio, salvo che non sia esplicitamente richiesto. Chiaramente se è un buon voto  può essere un punto a tuo vantaggio; ma se il voto non è un gran che, meglio ometterlo.

Lunghezza eccessiva

Un curriculum store manager perfetto sta in una pagina. Utilizza due pagine se ti stai candidando per una posizione che presuppone una consolidata esperienza. Evita di scrivere CV più lunghi perchè sono dispersivi e poco efficaci.

Foto sconvenienti

Se la foto non è esplicitamente richiesta, puoi anche non inserirla. Se lo fai cerca di evitare assolutamente l’utilizzo di foto a figura intera, in compagnia, in posa “stile book fotografico”, in situazioni di svago o vacanza. La foto è un ulteriore elemento di presentazione, che deve trasmettere un’immagine affidabile e professionale pertanto meglio optare per foto sobrie in formato tessera.

Come hai visto, un pò di preparazione e un pizzico di strategia in più ti permette di mettere in maggiore evidenza le tue competenza, le tue capacità e la tua esperienza.

Scopri il mio coaching per il colloquio di lavoro