8 cose da ricordare quando nessuno ti dà il suo supporto – parte 1

nessuno ti aiuta

Ehi non permettere mai a nessuno di dirti che non sai fare qualcosa, neanche a me!
Ok? Se hai un sogno tu, lo devi proteggere.
Quando le persone non sanno fare qualcosa lo dicono a te che non lo sai fare.
Se hai un sogno inseguilo.
Punto!

Chris Gardner (Will Smith)
Dal film “La ricerca della felicità” di Gabriele Muccino

Confidare a qualcuno (tua moglie o marito, un caro amico o collega, a tua sorella) che desideri avviare un e-business, accettare una nuova proposta lavorativa, fare il personal coach, proporti per uno scatto di responsabilità, lasciare il tuo lavoro (sicuro) per lanciare la start up che hai sempre desiderato …

Iscriviti alla Newsletter e ricevi GRATIS il mio percorso di benvenuto nel coaching

… oppure che vuoi esprimere te stesso, fare arte, crescere una famiglia o trasferirti in una nuova città dall’altro capo della nazione …

potrebbe innescare sguardi vuoti, reazioni neutre, parole di circostanza o repliche negative accompagnate da uno sguardo sfiduciato che esprime la preoccupazione e la certezza di chi crede … che non ci riusciremo.
Che non ce la faremo.

Ti aspettavi più sostegno e incoraggiamento da parte delle persone vicine e invece ti ritrovi non ascoltato, incompreso, criticato o peggio deriso.

Ti aspettavi di più.
Di la verità.
Anch’io.

Invece, poco o nulla. Nessuno ti aiuta.

Reazioni “freddine”, poco supporto e parole di circostanza.
Può essere davvero difficile digerire il “rumore del silenzio” intorno.

Per quanto ci piacerebbe che amici e parenti siano di supporto alle nostre speranze, sogni e obiettivi a volte è meglio … tacere. Stare zitti.
E tenersi tutto dentro.

Se ti guardi attorno nei momenti di sconforto in cerca di un supporto, un sostegno, una stampella e non vedi nessuno … è dura.
Durissima.
Demoralizzante.

 


 

Se non ti è mai capitato …
non lo capisci.

Senza sostegno, il dubbio la fa da padrone

Quando nessuno ti aiuta, la paura e il dubbio che già sono dentro la tua mente diventano i padroni incontrastati.
Insormontabili.

Potrei darti una pacca sulla spalla e dirti: “Ehi non ti preoccupare, chi se ne frega cosa pensano di te” ma non ti sarà di grande aiuto. Se non sei nello stato mentale giusto, questi gesti (anche se fatti in buona fede) lasciano il tempo che trovano.

Sì, in teoria, sembra facile.
In pratica è molto più difficile.

Ecco 8 cose da ricordare quando nessuno ti aiuta e le reazioni (o le non-reazioni) di altre persone rischiano di intaccare il tuo entusiasmo e t’impediscano di iniziare un nuovo progetto:

1. La tua passione è una priorità

Il punto non è se gli altri ti danno il loro sostegno oppure no.
Il punto è non rischiare un giorno di voltarsi indietro, chiedendosi “Ah! Se avessi fatto il coach … “.

Il punto non è rendere felici gli altri.
Dobbiamo essere felici noi.

Segui il tuo cuore, e non le parole degli altri, vivendo all’altezza delle loro aspettative. La cosa più importante che puoi fare è rimanere fedele a te stesso e ciò che la tua anima reclama.
Esige.

Smettila di preoccuparti degli altri e concentrati solo su cosa-devi-fare e chi-devi-essere.
Riguarda te.
Solo te.

 
POTENZIA LA TUA LEADERSHIP> scopri il percorso di coaching ideale per te
 

2. La vita è una sola

Può essere scoraggiante avere persone intorno a te che non t’incoraggiano, ma non dimenticare che la vita è breve.

Vuoi davvero sentirti giù per le parole e i comportamenti degli altri anche quando sono completamente ingiustificati, privi di fondamento e di senso?

Vuoi davvero non seguire il tuo sogno per colpa degli altri e vivere una vita che (probabilmente) non ti soddisfa?

CONTINUA A LEGGERE > la parte 2.