Disaccordo con il capo: 20 cose da ricordare prima di aprire bocca

disaccordo con il capoFoto di Michi-Nordlicht da Pixabay

Hai il bisogno di parlare.
Di dire la tua.
Di esprimere il disaccordo.
La divergenza.

Senza creare conflitto, fraintendimenti, astio.
Disaccordo si, ma in modo costruttivo.
A parole sembra facile.

..ma se si tratta di disaccordo con il capo?

Le cose improvvisamente diventano molto più complicate.
L’idea può provocare panico immediato.

Iscriviti alla Newsletter e ricevi GRATIS la guida sul coaching "Investi su Te Stesso"

Pochi sono disposti a esprimere le proprie opinioni a un superiore.
La maggioranza rimane timida.
Inibita.

Quando si tratta di disaccordo con il capo,
il tuo obiettivo deve essere quello di dimostrare che sei un professionista attendibile.
Una persona di cui ci si può fidare.

Un partner lavorativo che sa anche ascoltare.
Che vuole “costruire” grandi rapporti sul luogo di lavoro.

Ricorda che nel disaccordo con il capo è fondamentale affrontare la questione e non la persona:

1. Se sei sempre d’accordo… sei poco “attrattivo” come collaboratore.

2. Non dare solo importanza a cosa-dici, ma valuta anche quando-e-dove-lo-dici.

3. È fondamentale conoscere e “abbracciare” gli obiettivi del tuo capo. Se non ti allinei con il quadro generale, trova un altro lavoro.

4. Presentati con soluzioni o non presentarti affatto.

5. Non dimostrare che il tuo capo ha torto, a meno che tu non abbia fatti concreti o sei un esperto in quel campo.

6. Il disaccordo va espresso in privato. Lontano da orecchie indiscrete.

 

 

7. Lascia fuori le emozioni. Prepara dati, grafici, fogli di calcolo e qualsiasi altra prova concreta possibile per supportare il tuo punto di vista. Attenersi ai fatti.

8. Usa spesso la parola “suggerire“. È una parola magica in questo tipo di dialogo, perché nessun capo si arrabbia per un suggerimento.

9. Parla a titolo personale. Evita di parlare in generale tipo “Ci sentiamo tutti in questo modo” oppure “Questo è il cambiamento che tutti desideriamo”.

10. L’obiettivo del disaccordo non è vincere, ma mantenere intatto il rapporto. Fin quando è possibile.

11. Usa espressioni come “Ho bisogno …” oppure “Mi sento … ”. Formula la frase in modo tale che il messaggio si riferisca a te e ai tuoi sentimenti.

12. Se ti senti arrabbiato, è meglio dire il meno possibile. Se il capo è arrabbiato, è meglio dirne ancora meno.

13. Non fare sentire il capo un idiota. Presenta il disaccordo con un approccio logico e nel suo migliore interesse.

14. Ascolta, ascolta, ascolta. Ascolta – soprattutto – ciò che “non viene detto”.

15. Riempi la tua relazione con accordi prima di esprimere disaccordi.

16. Esprimi accordi frequentemente e pubblicamente.

17. Offri alternative piuttosto che critiche: “E se …” suona meglio di “Ma…“-“Perché …

18. Ricorda che il tuo obiettivo è presentare le tue idee, non dimostrare che il tuo capo ha torto.

19. Se non sei completamente sicuro o convinto, tieni la bocca chiusa!

20. Sii breve. Il capo – per definizione – è sempre molto occupato.