Grande comunicatore: come ascoltare ciò che non viene detto

grande comunicatore

La comunicazione si può dividere (sommariamente) in due parti.
Ciò che si dice e ciò che non “viene detto”.

Peter F. Drucker ha detto: “Gli ascoltatori empatici possono udire persino ciò che viene detto in silenzio. La cosa più importante nella comunicazione è ascoltare ciò che non viene detto“.

Iscriviti alla Newsletter e ricevi GRATIS il mio percorso di benvenuto nel coaching


Come essere un grande comunicatore?
Come puoi sentire ciò che non viene detto?

Più entri nel “mondo” dell’altro, più lasci “fuori” la tua storia.
Troppo spesso commetti l’errore di riempire “ciò che non viene detto” con la tua esperienza.

Per essere sicuro di “sentire bene”, dovresti osservare con attenzione,
non concentrarti solo sulle parole ma ascoltare anche (e soprattutto) “ciò che non viene detto”,

Diventare un grande comunicatore, un bravo “lettore”, richiede tempo ed esperienza.

Concentrati sulla persona

Parla poco.
Non pensare alla tua risposta.
Non cercare di immaginare come risponderai.

Evita di interrompere o finire le frasi.
Dai alla persona tutta la tua attenzione.

Lascia che parli al suo ritmo,
che faccia delle pause, e pensi.

Usa tutti i tuoi sensi per “ascoltare”

Immagina di chiudere gli occhi e “sentire” la persona mentre parla.

Controlla il linguaggio del suo corpo quando condivide ciò che le sta accadendo.

Immagina cosa sta succedendo “dentro di lei”.

Evita le distrazioni

Ascolta la persona per mostrare che davvero vuoi sentire quello che ha da dire.
 

 
Spegni il telefono.
Non scarabocchiare.
Non guardare fuori dalla finestra.

Evita i pregiudizi personali

Siamo traboccanti di pregiudizi, opinioni, impressioni, giudizi.
Non possiamo evitarlo.

L’unico modo per evitare i pregiudizi personali è esserne consapevoli.

Il grande comunicatore cerca di essere il più possibile imparziale.
“Svuota” la mente.

Ascolta

Non limitarti a sentire le parole.

Osserva il linguaggio del corpo della persona e nota eventuali incongruenze tra ciò che dice e i suoi messaggi non verbali.

Nell’esempio del post precedente il nuovo leader ha notato che le espressioni facciali erano più di antipatia che di soddisfazione.

“Ascolta” le emozioni.

Prova a immaginare quale valore e quale emozione “c’è sotto”.

Comprendere le emozioni e i valori della persona ti aiuterà a capire meglio “ciò che non viene detto”.

“Ascolta” il livello di energia.

Le parole sono concilianti ma il suo viso dice altro?
Parla velocemente?
Potrebbe essere ansiosa o arrabbiata?
 

 
Senti entusiasmo? Ci sono molte esitazioni?
Qual è il suo livello di energia? È autentica?
C’è troppo vigore?

“Ascolta” il volume e il tono.

Le parole potrebbero non trasmettere il reale messaggio,
il volume e il tono possono darti indizi importanti su ciò che la persona è riluttante a condividere.

Il tono è arrabbiato, tranquillo, seduttivo o sarcastico?

Fai domande per comprendere al meglio

Fai domande per assicurarti di aver capito il messaggio.

Le domande dovrebbero essere neutre e senza giudizio.

“Ma cosa hai fatto?” non è certo un buon modo per mantenere aperta la conversazione.
“Dimmi di più su …” è molto più efficace. È un invito a rivelare di più.

Se ti interroghi sulla veridicità di un’affermazione, chiedi alla persona di dirti di più o di spiegare la parte che ti sembra confusa/poco chiara.

  • “Qualcosa non mi torna (affermazione, risposta, gesto, ecc.). Quando …  (fai notare ciò che ti sembra dissonante) mi hai confuso”.
  • “Cosa non mi stai dicendo?” o “Sento che mi manca un pezzo del puzzle. Cosa potrebbe essere?”
  • “Sento che qualcosa ti preoccupa. Sono disponibile ad ascoltare ciò che hai da dirmi”.
  • “Non voglio fraintendere. Ho notato che ti intristivi mentre mi raccontavi quello che ti è successo. Lo hai descritto come una cosa piacevole. Di cosa si tratta?”
  • “Voglio essere sicuro di aver sentito quello che hai appena detto … (parafrasare quello che hai sentito).”
  • “Ho capito che …. È corretto?”
  • “Ecco cosa mi ha colpito di più…”

Mettiti nei suoi panni

Cerca di capire la situazione dal punto di vista dell’altra persona.
 

 
Quali sono le sue preoccupazioni, paure ed esperienze?
Come può il suo passato influire sulla discussione di oggi?

Non saltare alle tue conclusioni.

Sii curioso.
Invece di avere un’aspettativa su come andrà la discussione.
Sii aperto a ciò che l’altra persona desidera condividere.

Lasciati guidare dall’intuito se vuoi essere un grande comunicatore

Durante o dopo la conversazione, hai una strana sensazione allo stomaco?

La mente intuitiva è un dono sacro ma oggi veneriamo la razionalità, diceva Einstein.

L’istinto è la base. È la Voce della Natura. Seguire l’istinto significa mettere da parte non solo il parere degli altri, ma soprattutto il nostro.

L’intuito nasce prima che si formano le nostre idee, convinzioni e presupposti. È proprio questo che lo rende indispensabile.

Ascolta i suggerimenti che ti “sgorgano” nella testa quando stai per fare una scelta, è  il momento ideale per mettere da parte la razionalità e affidarsi all’istinto che ti suggerisce un’altra strada.

In conclusione …
essere un grande comunicatore, ascoltare ciò che non viene detto, vuol dire essere consapevole che la “fetta più grande” del messaggio passa attraverso il linguaggio corporeo.

Ciò che non diciamo è più importante di quello che diciamo.
La mimica facciale, gesti, posture e il tono della voce, possono cambiare di molto la tua percezione e la tua comunicazione.