Discussione sul lavoro: 17 spunti per avere sempre la meglio – parte 1

discussioni sul lavoro

Foto di rawpixel da Pixabay

Che si tratti del lancio di un nuovo prodotto,
la direzione strategica della campagna marketing,
la promozione di un collaboratore a tuo parere poco meritevole …
la discussione può diventare serrata, il confronto aspro …
le sopracciglia si sollevano, gli animi si surriscaldano … e parte la discussione sul lavoro!

Iscriviti alla Newsletter e ricevi GRATIS la guida sul coaching "Investi su Te Stesso"

Come puoi convincere le persone a seguire la tua idea?
Come puoi battere i tuoi “avversari” e ottenere ciò che desideri?

Spesso le discussioni le viviamo come “lotte”.
Competizioni … dove emerge un solo vincitore.
Tutti gli altri perdono.

Tante persone cercano di evitare discussioni e confronti

Come i combattimenti fisici,
anche quelli verbali possono lasciare ferite insanguinate.

Tutti abbiamo punti ciechi, nozioni preconcette e aree emotivamente sensibili.
Abbiamo paura che vengono a galla in queste occasioni.

Ecco 17 spunti che ti aiuteranno ad aggiudicarti ogni discussione:

1. Non esagerare con la smania di voler “vincere” la discussione sul lavoro

Vorresti vedere il tuo interlocutore cadere in ginocchio?
Scusarsi a testa bassa per essersi sbagliato?
Ringraziarti per averlo “illuminato”?

Uhmmm!

L’obiettivo – realistico – dovrebbe essere di sollevare dubbi sulla giustezza della visione/idea/proposta del tuo interlocutore.

2. Preparati

Ti è già successo di aver fatto un reclamo solo per rendertene conto -appena dopo- che ti sbagliavi completamente?

Non precipitarti in sala conferenze … stracarico di stress da attesa.
Traboccante di emozioni.
Questo non è un modo ideale per “vincere” una discussione.

Rifletti attentamente su ciò che dirai.
Ciò che vuoi ottenere.

Chiediti:
Che cosa voglio veramente da questa discussione?
Far passare il mio punto di vista? O un risultato più concreto?
Quali argomenti sono convincenti?
Quali sono i miei preconcetti?
È realistico il mio obiettivo?

3. Controlla le tue emozioni

Un conto è essere appassionati.
Eccitati.
Un altro è farsi trascinare da rabbia e paura.
La rabbia toglie potenza.

Se perdi la calma, hai “perso”!

Non preoccuparti …
non sembrerai debole restando calmo nel mezzo di una discussione.
Guadagnerai punti – invece – dimostrando autocontrollo.

4. Conosci il tuo “nemico”

Senza scomodare ”l’arte della guerra”,
comprendere la motivazione e il fattore stimolante del tuo interlocutore, ti darà un grande vantaggio strategico.

Significa “metà battaglia vinta”.

5. “Gioca” semplice

Semplice.
Sincero.
Diretto ma non maleducato.
Determinato ma non inflessibile.

Non cercare di impressionare.
Cerca di persuadere con un approccio accurato e ponderato.

Dimentica …
colpi di teatro, arringhe struggenti (se non sono nelle tue corde) e frasi fatte prese dal web.
 


 

6. Ascolta attivamente

Molte persone sono così concentrate su ciò che stanno per dire che ignorano il loro interlocutore.
Un po’ alla volta – senza accorgersi – ne assumono le argomentazioni.

Ascolta attentamente.
Osserverai debolezze e difetti.
Ascolta – soprattutto – il “non detto”.

Assicurati di ascoltare e comprendere il ragionamento del tuo interlocutore.
Impara la differenza tra ascoltare e pensare-a-cosa-rispondere.

7. Chiedi di chiarire

Se non sei sicuro di ciò che il tuo interlocutore ha detto,
chiedi chiarimenti.
Di ripetere.

Nel vivo della discussione,
contrattacchiamo spesso in modo poco riflessivo, confuso,
senza assicurarci di aver sentito bene.

8. “Usa” i fatti

I fatti sono difficili da confutare.

Raccogli dati pertinenti prima che inizi la tua discussione sul lavoro.
Sondaggi, statistiche, citazioni e risultati concreti sono argomenti a supporto della tua causa.