Come guardare negli occhi il capo, il titolare il CEO (fearless) – 2

guardare negli occhi il

Foto di Yogendra Singh

LEGGI ANCHE > la parte 1.

Sorridi con gli occhi

Rilassati, altrimenti il tuo sguardo potrebbe apparire sospettoso o intimidatorio.

Distendi le sopracciglia, cerca di tenere gli occhi aperti il più possibile, evitando di storcerli,
perché potresti indurre l’altra persona a pensare che non ti piace ciò che sta dicendo.

Iscriviti alla mia newsletter.

Compilando il modulo riceverai news e aggiornamenti sulla formazione e il coaching.


Non corrugare la fronte,
potresti comunicare un sentimento ostile.

In situazioni di gruppo

Guarda direttamente negli occhi una persona almeno 2-3 secondi,
poi distogli lo sguardo e passa alla successiva.

Quando parli, “punta” piedi e spalle (ogni volta) verso il tuo interlocutore.

Annuisci muovendo la testa per far capire che stai ascoltando.

Guardare le persone negli occhi trasmette fiducia e autorevolezza in ciò che stai dicendo.
Aumenti le probabilità che le persone ti ascoltino. E apprezzino.
Quello che hai da dire.
Quello che sei.

 
POTENZIA LA TUA LEADERSHIP > scopri il percorso di coaching ideale per te
 

Cerca il contatto visivo

Quando entri nella sala riunioni o nell’ufficio, prenditi qualche secondo per sorridere e stabilire un contatto visivo con tutte le persone, prima di iniziare a parlare.

Cerca di tenere lo sguardo concentrato.
È importante guardare la persona mentre stai ascoltando.

Non preoccuparti se devi distogliere lo sguardo ogni tanto,
ma cerca di mantenere il viso e lo sguardo sempre rivolto verso la persona mentre parli.

Se qualcosa/qualcuno distoglie la tua attenzione non distogliere immediatamente lo sguardo; potresti indurre la persona a pensare che sei ansioso (e non vedi l’ora di concludere la conversazione).

Rivolgi la tua attenzione alla fonte di distrazione (suona il telefono, qualcuno entra nella stanza ecc.) ma poi torna immediatamente a prestare considerazione al tuo interlocutore.

Mantieni il contatto visivo… è d’obbligo

Quando sei impegnato in un meeting importante,
guarda negli occhi le persone sedute intorno al tavolo.

Sii calmo e non pensare troppo,
fai che tutto si svolga nella maniera più naturale possibile.

Non scostare il tuo sguardo alla prima occhiata. Reggilo.
Ad ogni costo!

Potrebbe significare una mancanza di fiducia.

Mantenere il contatto visivo comunica fiducia e intelligenza. Soprattutto quando stai parlando di punti difficili o importanti. Se hai un qualunque tipo di disaccordo, il contatto visivo dimostra sicurezza e ti aiuta a comunicare fiducia.

 
LA TUA CARRIERA DI SUCCESSO > scopri il percorso di coaching ideale per te
 

Se non riesci a reggere lo sguardo …

Se stai discutendo o intavolando un dibattito piuttosto acceso,
potresti essere tentato di distogliere lo sguardo.

Oppure qualcuno potrebbe cercare di intimidirti,
probabilmente vuole che guardi altrove.

Rimani concentrato nel contatto visivo.
Rendi inefficace il suo tentativo.

 


 

Se non ce la fai a reggere lo sguardo non guardare in basso ma piuttosto di lato.
Se guardi verso il basso segnala uno stato inferiore, vergogna o sottomissione.

Non è certo il tipo di messaggio che vuoi trasmettere.

In alternativa, se non riesci guardare negli occhi il capo, concentrati su un solo occhio. Sposta lo sguardo da un occhio all’altro piuttosto che rimanere focalizzato su uno solo. È più facile concentrarsi su un punto del viso piuttosto che cercare di guardare contemporaneamente in entrambi gli occhi.

Non tenere gli occhi incollati sul PowerPoint

Quando sei impegnato in una presentazione,
non fissare solo le diapositive per paura di incrociare lo sguardo di qualche presente.

Spazia con lo sguardo.
“Abbraccia” con gli occhi tutta la stanza.

Non annoiare i presenti leggendo solo le diapositive.

 
PIÙ AUTOSTIMA SUL LAVORO > scopri il percorso di coaching più efficace per te
 

Guarda sia i volti amichevoli che quelli antipatici

Non limitarti a stabilire un contatto visivo solo con i volti amichevoli o “simpatici”.
Guarda tutte le persone.

Il tuo contatto visivo deve comprendere anche le persone annoiate e quelle che intimoriscono. Il contatto visivo potrebbe “ammorbidirli”.
Almeno un po’.

Detto ciò, non soffermarti troppo su un viso “ostile”, per evitare di farti impressionare troppo.
Meglio guardare un volto amichevole e sorridente.

Ricorda… anche tu sei un leader

(Anche se questo non c’entra con il contatto visivo … è comunque importante).
Evita un atteggiamento difensivo.

Come ho scritto nel mio libro “Autorevolezza” è facile mettersi in difesa in questi tipi di situazioni, ma così facendo potresti perdere credibilità. Essere eccessivamente difensivo può far pensare che tu sia insicuro o che nascondi qualcosa.

Usa le tue capacità di ascolto per raccogliere le informazioni, valutarle e rispondere attenendoti ai problemi, senza essere inutilmente difensivo. Non mostrare soggezione o trepidazione.

Sii gentile ma non essere servile. Non perdere il rispetto di te stesso per diventare accattivante.

Oltremodo, evita anche un atteggiamento troppo impulsivo.

Se senti il bisogno impellente di intervenire e offrire le tue opinioni su come fare o non fare qualcosa, piuttosto che farfugliare la prima cosa che ti viene in mente e rimpiangerla subito dopo,
impara a fare un passo indietro.