Vincere una discussione al lavoro: evita di stare sulla difensiva

vincere una discussione
Foto di fauxels

Nel pieno di una discussione parli in tutta fretta?
Non dai tempo di spiegare?
Non ascolti ma presumi ciò che l’altro vuole dire?
Per vincere una discussione ti aggrappi alle giustificazioni?
Non ti prendi la tua responsabilità? Ti nascondi dietro errori di altri?

Iscriviti alla Newsletter e ricevi GRATIS il mio percorso di benvenuto nel coaching

Se ti dicessi che sei sulla difensiva, lo prenderesti come un’offesa?

Spesso adottiamo questo atteggiamento di difesa (di fronte a frasi e comportamenti che potrebbero anche essere neutri o positivi) e reagiamo come fossimo minacciati.

Non ci rendiamo conto, non riusciamo a vedere chiaramente la situazione.
Ci siamo costruiti un “copione”, siamo immersi nel “film” che gira nella nostra mente.

A volte non c’è nulla di male a mettersi sulla difensiva, in fondo ci ha permesso di sopravvivere per migliaia di anni. Ci si avvicina con cautela, si studia e si osserva chi abbiamo davanti a noi,
per prevenire i pericoli.

La difensiva può essere autodistruttiva per i tuoi rapporti professionali

Mettersi sulla difensiva con il tuo capo, il collega, spesso ti si ritorce contro perché allontana le persone,
ti fa sembrare immaturo e insicuro.

Altre volte ancora, scatti sulla difensiva semplicemente perché sei stressato,
vivi costantemente in un clima di diffidenza che non ti permette di rilassarti.

Essere sempre sulla difensiva, ti fa perdere le opportunità.
Ti impedisce di confrontarti, poiché vedi in ogni cosa una minaccia.

Mandi segnali di una mentalità chiusa, timorosa,
di non essere in grado di gestire le tue emozioni.

 
LA TUA CARRIERA DI SUCCESSO > scopri il percorso di coaching ideale per te
 

Conosci i tuoi limiti ed esprimili

Se non è il momento giusto perché ti senti stanco o irritato (anche per motivi non legati direttamente alla situazione), comunica all’altra persona che preferisci rimandare in un momento più appropriato:

  • “Capisco che questo è importante per te, ma non sono nello stato giusto per discuterne adesso. Possiamo parlarne domani?”

Se non sei “pronto” rischi di dire cose non appropriate, metterti sulla difesa,
con il risultato di spingere il tuo interlocutore sulla difensiva.

Diventa consapevole

Il primo passo è diventare cosciente di essere sulla difensiva.

Cerca di prestare attenzione alle cause che ha scatenato il tuo atteggiamento:

  • Cosa ti ha fatto mettere sulla difensiva?
  • Come ti ha fatto sentire quello che è stato detto o fatto?

È importante riconoscere i tuoi sentimenti, per esempio quando vieni criticato, e accettare quello che stai provando.

Il semplice atto di ammettere a te stesso di sentirti ferito, imbarazzato o insicuro,
ti può aiutare a disinnescare preventivamente il tuo stare sulla difensiva.

 
PIÙ LEADER DEL TUO TEAM > scopri il percorso di coaching (costi, modalità ecc.)
 

Comunica come ti senti

Spiega all’altra persona come ti senti rispetto ai suoi commenti, atteggiamento o critiche,
senza lanciare biasimi.

Utilizza frasi dove prevale “io” piuttosto che “tu”.

  • “Non mi sento a mio agio in questa situazione”
  • “Faccio fatica ad ascoltare quando alzi la voce”
  • “Mi sento scoraggiato quando mi ricordi sempre le stesse cose”

Ascolta in modo attivo

Tutti desideriamo essere ascoltati e compresi, purtroppo nelle discussioni difficilmente ascoltiamo chi abbiamo di fronte.

Per paura di essere feriti, alziamo le barriere, non ci rendiamo conto che potremmo dire cose senza senso e fuori luogo.

Ascolta attivamente e con attenzione, non per ribattere e colpire,
ma per comprendere cosa prova l’altro.

  • Cosa sta effettivamente cercando di dirti l’altra persona?
  • Riesci ad ascoltarlo con tutta la tua attenzione?

Cerca di capire cosa il tuo interlocutore sta cercando di dirti, cosa lo infastidisce, come si sente.
Se non ti è chiaro, chiedi degli esempi.

Quando ci si sente ascoltati, le barriere difensive cadono, la persona si “ammorbidisce” perché realizza la tua volontà di accettare la tua parte di responsabilità:

  • “Mi dispiace che tu ti senta frustrato. Non mi sono reso conto come il mio atteggiamento potesse limitarti”.

 


 

“Vincere” una discussione? Resisti alla tentazione di reagire in modo difensivo

Riconosci che la reazione negativa del tuo interlocutore potrebbe avere poco o nulla a che fare con te,
ma è piuttosto il prodotto di emozioni represse e accumulate nel tempo.

Più ti difendi più aumenta la possibilità che qualcuno possa attaccarti verbalmente o fisicamente.
Questo perché la contro-difesa non è una risposta efficace.

Più cerchi di difenderti, più dai forza alle opinioni altrui.

Dimostra prima a te stesso e poi all’altra persona che le sue opinioni non ti influenzeranno,
solo perché non vengono gradite.

In conclusione, non puoi controllare le reazioni degli altri, se vuoi vincere una discussione, puoi unicamente provare a comunicare nel modo più costruttivo e bidirezionale possibile.

Quando accetti di “non difenderti”, apri al dialogo, accogli le critiche, dimostri che ascolti e non hai paura di un confronto.

Dimostri il tuo “potere”.
La tua forza.

Se desideri potenziare la tua comunicazione sul lavoro. Scopri il percorso di coaching (costi, modalità ecc.) adatto a te.